20 ottobre 2010

Scandalo - Salvatore Samperi

Disturbante, questo è il termine più appropriato per il film di Samperi (autore dei bellissimi Grazie, Zia e Malizia). 
Disturbante per via del perfido Franco Nero, che sembra non avere alcun senso del pudore né pietà verso le sue vittime. 
Disturbante perché le "vittime" non sono in realtà vittime, o almeno non lo sono a tutto tondo. Il personaggio della Gastoni, ad esempio, potrebbe terminare sin dall'inizio le angherie del suo garzone ma pur di non dare "scandalo" entra in un vortice inarrestabile di sadismo (che in breve tempo diventa come una droga). Disturbanti anche le altre "vittime", come il marito, che non vede (o forse non vuole vedere) ciò che gli capita in casa, e la innocente figlioletta, che proprio innocente non è. 
Samperi, con questa schiera di personaggi dalle molteplici facce, da una bella bastonata alla morale borghese e a quel vivere di apparenze. Può accadere di tutto, l'importante è non diventare i soggetti dei pettegolezzi.
Franco Nero, nell'insolito ruolo di cattivo, è grandioso. La Gastoni, nonostante l'età e le forme carnose, sa come provocare e scioccare lo spettatore con un ambiguo miscuglio di piacere e ribrezzo, che poi è lo stesso che prova la protagonista della pellicola. 
Tutto il film è girato in studio, con una scenografia finta, ricostruita, come le vite che racconta... vite amare, vite senza alcuna speranza. 
Da recuperare sicuramente, insieme ai già citati Grazie, Zia e Malizia (con la Antonelli in stato di grazia, ma ne parliamo un'altra volta).

 photo FlagofItaly_zpsb7eeccbc.pngIMDb 

3 commenti:

  1. Grande!!!Uno dei miei Samperi preferiti. Ottima recensione. Difficile trovare blog che parlino di questi gioielli morbosi.Complimenti.Mi spiace di essere capitato da queste parti solo adesso. Un saluto.

    RispondiElimina
  2. ciao Belushi, grazie mille! questo è il mio Samperi preferito, uno dei film più morbosi e malsani (anche se molto viene suggerito più che visto).
    ho visto i tuoi blog, molto interessanti e pieni di chicche!

    RispondiElimina
  3. Grazieeee!!! Ricambio i complimenti.Ottimo anche il post su Castellari, sempre attuale.Un grande saluto.

    RispondiElimina