26 dicembre 2010

Fido - Andrew Currie

Ottima variazione sul tema zombie, non come quella dell'altra volta

Gli autori di Fido si sono chiesti come sarebbe il mondo, la società (quella americana) dopo un'epidemia di zombie? Come si sarebbe effettuato il contenimento? Come avrebbero domato gli zombie e come sarebbero cambiate le vite dei sopravvissuti? La risposta è questa pellicola, ambientata in un'america color pastello tra la fine degli anni '50 e i primi anni '60, dove gli zombie domati (con un collare!) vengono schiavizzati per ogni sorta di lavoro domestico (camerieri, giardinieri, portaombrelli, bambole gonfiabili ecc.). 


Più che un film di zombie, il film critica la società dei consumi e dell'apparente benessere dell'america di quegli anni. Zombie movie canadese (del Canada giusto!) NON horror, molto divertente e ben fatto. Ottimi la patinattissima Carrie-Anne Moss (quella di Matrix, Memento e Unthinkable) e lo zombie F(a)ido interpretato dal comico scozzese Billy Connolly

Il desiderio di un genitore per un neonato in arrivo? Ovvio... un FUNERALE!!!

 photo FlagofCanada_zpsf9eb1a99.pngIMDb 

6 commenti:

  1. insomma... dici che lo devo mettere nella mia rassegna zombesca? sai che di te mi fido ciecamente, manco una vecchia bigotta col papa :D

    RispondiElimina
  2. non ancora visto, però l'atmosfera 50s mi intriga

    RispondiElimina
  3. @roby: ti consiglio di metterlo verso la fine in quanto per certi versi "parodistico", gioca col genere e i clichè. non mi far montare la testa che poi inizio a baciare il terreno e a benedire i bambini per strada!

    @marco: l'atmosfera 50s è uno dei punti portanti del film... e la ricostruzione è certosina!

    RispondiElimina
  4. non mi è piaciuto per niente. voglio dire, l'idea era buona, la ricostruzione d'epoca ottima, ma l'intento di critica, per me, è rimasto sotto la superficie senza mai graffiare appieno. comunque, variazione simpatica dal 'già visto'.

    RispondiElimina
  5. si forse hai ragione, si poteva osare di più, però così facendo poteva diventare un'arma a doppio taglio, facendo diventare il film troppo serioso. alla fine è una commmedia leggera, sui buoni sentimenti, ambientata negli anni '50... però con gli zombie!

    RispondiElimina
  6. ricordo che i aveva interessato moltissimo, ma poi nel vederlo non m'è parso nulla di che...

    RispondiElimina