09 dicembre 2010

I Sette Fratelli Cervi - Gianni Puccini

Storia importante e vera, quella raccontata dal film di Puccini, coadiuvato da cast d'eccezione dove primeggia il grandissimo Volontè

Il film non è proprio riuscitissimo, il modo scelto da Puccini di raccontare la storia è discutibile. La prima parte (la "formazione" dei fratelli) è raccontata attraverso le chiacchierate tra Aldo Cervi e Lucia Sarzi, dove i racconti di Aldo sono mostrati attraverso lunghi flashback in bianco e nero; nella  seconda ci viene mostrata l'azione, la scelta di ribellarsi con le armi, nonostante il CLN e altri gruppi politici organizzati non gli dessero appoggio. 

Molto più convincente la prima parte, con i lavori nei campi, che la seconda, della lotta armata. 

Un film che però resta da vedere, meticoloso nel narrare la storia di una famiglia e di un'Italia che non aveva proprio voglia di svegliarsi... a conti fatti un film molto attuale.


 photo FlagofItaly_zpsb7eeccbc.pngIMDb 

4 commenti:

  1. wé wé, qua tocchiamo tasti delicati :)
    questo film è importante, al di là dei meriti cinematografici che, concordo, non sono eccelsi, ma i meriti storici sono altissimi.
    ti propongo la lettura della mia, non è una rece eccelsa, ma ci sono alcune note che ti possono interessare: http://robydickfilms.blogspot.com/2009/01/i-sette-fratelli-cervi.html

    ciao fratello! :D

    RispondiElimina
  2. we roby! vero è un film importantissimo dal punto di vista storico, di vero e proprio documento, e come dici bene tu dovrebbe essere visto nelle scuole. secondo me, come ho già detto, hanno caricato molto nella bella parte bucolica e troppo poco in quella partigiana... peccato!

    RispondiElimina
  3. uno dei miei film preferiti,quando si sapeva narrare senza reticenze revisioniste la grande storia della resistenza.
    Offre una grande prova di Volontè, certo Puccini come regista non era il massimo,ma questo film penso che sia il migliore tra quelli diretti da lui.
    Era la grande stagione del cinema militante, figlio a volte bastardo della grandissima stagione del neorealismo.Ah,quanto amo questo cinema ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un film che deve la sua forza maggiore alla storia narrata e all'insegnamento che riesce a dare, più che a meriti cinematografici (escluso Volontè ovviamente). di puccini credo di averne visto qualche altro, mi sa le commedie del boom economico, e non erano male. non capolavori ma comunque ben fatti.

      una grande stagione purtroppo andata, forte e vogliosa di raccontare. peccato che in contemporanea venissero anche elargite etichette, spesso campate in aria, su film o personaggi considerati "contro"... ma sto sfociando in un altro discorso :D

      Elimina