15 dicembre 2010

La Polizia sta a guardare - Roberto Infascelli

Ennesimo film nel filone del poliziesco (o questurino) con Enrico Maria Salerno come protagonista. 

Salerno in questo caso interpreta il nuovo questore di Brescia, intento nella dura lotta nel far prevalere la sua teoria del "non cedere ai ricatti" della anonima sequestri. Infascelli lavora con mestiere, confeziona un prodotto di buon ritmo, che va via velocemente e, come molti altri film del genere, è molto interessante soprattutto per chi non ha vissuto il periodo (questi film sono sempre un ottimo spaccato della società dell'epoca). Il cast è composto da attori iper-presenti in questo tipo di produzioni: il già citato Salerno; Jean Sorel nella parte del procuratore troppo ossequioso delle regole; Lee J. Cobb in quella dell'ex questore; Laura Belli che fa la troietta amica di tutti i rapiti; Ezio Sancrotti il braccio destro di Salerno


Insomma nulla di nuovo sul fronte occidentale (a parte Brescia come sfondo invece di Roma o Milano), per un film che già all'epoca venne visto come ideale sequel di La Polizia Ringrazia di Steno.


Nella parte del figlio del questore c'è il vero figlio di Salerno, che qualche anno dopo morì di overdose.

 photo FlagofItaly_zpsb7eeccbc.pngIMDb 

3 commenti:

  1. eheh, grande! ma questo Roberto Infascelli sarà mica parente di Alex Infascelli? ho visto un film di quest'ultimo, tempo fa, interessante, leggi qua: http://robydickfilms.blogspot.com/2006/05/h2odio.html

    RispondiElimina
  2. we roby, non lo so se ci sia qualche parentela, di Infascelli nel cinema ce ne sono parecchi. H2Odio lo vidi all'epoca e non mi piacque per niente, del buon Alex invece ho molto apprezzato Almost Blue e Il siero della vanità e vari videoclip che ha fatto... devo ancora dare un'occhiata alle miniserie che ha diretto!

    RispondiElimina
  3. a me non dispiacque, ma sai, ero agli inizi, rece molto vecchia... gli altri (parlo dei film) è da tempo che mi dico di vederli

    RispondiElimina