13 dicembre 2010

L'ultimo Treno della Notte - Aldo Lado

L'ultimo Treno della Notte è un film crudele, un vero è proprio studio sulla crudeltà e sulla perversione umana. 

Nessuno dei personaggi presenti nel film è buono, nessuno ha scampo, nessuno ha possibilità di redenzione. Durante la visione, lo stesso spettatore è spiazzato, non c'è nessuno per cui tifare, non c'è l'eroe, al massimo si prova pena o odio. Lado crea un film teso, dall'inizio alla fine, riuscendo a sconvolgere ed a angosciare (molto del merito va agli angusti spazi ed ai rumori costanti del treno), inserendo un dualismo contraddittorio con la musica dolce e le immagini violentissime. Nonostante i due ragazzi protagonisti della vicenda (precursori in qualche modo dei bravi ragazzi di Funny Games) siano molto caricaturali, Lado gli aggrega una schiera di personaggi dalla "doppia faccia": dalla donna borghese (stronzissima), al professionista voyeur con i sensi di colpa, fino al padre (un sempre bravo Enrico Maria Salerno) che si trasforma da mite padrone di casa a giustiziere senza pietà. 


Siamo dalle parti de L'ultima Casa a Sinistra di Craven... e secondo me lo supera pure.

 photo FlagofItaly_zpsb7eeccbc.pngIMDb 

4 commenti:

  1. grande Frank! questo me lo segno :)

    p.s.: e togli 'sta "verifica parole" dai commenti, è una palla mostruosa...

    RispondiElimina
  2. segna segna...eheheheheh
    verifica parole tolta... credevo fosse una cosa irremovibile!

    RispondiElimina
  3. è che continuo a segnare di tuoi ma poi li posticipo... ne metto uno a breve, so anche quale, ci tengo a nominare il blog del fratello Frank nel mio. a breve ;-)

    RispondiElimina
  4. grazi mille per l'onore, non vedo l'ora di scoprire quale film hai scelto!

    RispondiElimina