25 gennaio 2011

Quattro matrimoni e un funerale - Mike Newell

Adoro le commedie romantiche, non tutte ovviamente, ma questa è forse quella che adoro di più. 

Perché? Mi state davvero chiedendo perché? Ve lo dico subito, questa commedia è perfetta. Va bene a tutti. Voglio proprio vedere chi è capace di dire sinceramente "Questo film è una merda!". È impossibile. È perfetta perché ha tutto
La storia d'amore, il bello (uno stronzo tormentato), la bella (un tantinello puttana... ma meglio dire vivace), le parolacce. E poi fa ridere e fa piangere, ha il lieto fine ed ha momenti molto cinici, è moderna (per la coppia gay) e snob, ma è lo snob inglese che si perdona... e ha altro ancora, che potete trovare vedendo il film.

Mike Newll gira di mestiere, senza strafare, con delle belle inquadrature da fiction, e per questo tipo di prodotto vanno più che bene. In seguito dimostrerà di cosa è capace con, e ne cito solo uno, Donnie Brasco, mica spiccioletti. Hugh Grant da questo film viene lanciato, raggiunge il successo, ma l'arma è a doppio taglio perché dopo interpreterà, variando qua e la, sempre lo stesso personaggio. 

 photo FlagofUnitedKingdom_zps214cb752.pngIMDb 

2 commenti:

  1. concordo. sì, a hugh grant è rimasto appiccicato questo personaggio, ma anche perché non è capace di fare altro, diciamolo! :)

    RispondiElimina
  2. e la cosa bella è che li ho visti tutti (o quasi) i film con hugh grant :D

    RispondiElimina