02 febbraio 2011

L'Uccello dalle piume di cristallo - Dario Argento

C'era una volta, tanto tempo fa, un giovane regista italiano. Questo regista, che chiameremo Dario Argento, nel 1970 si apprestava a girare questo film della paura (cit.). 

A quei tempi il giovane Dario, ancora non conosceva il suo futuro, ancora non sapeva della forza innovatrice della pellicola, delle mille copie che molti invano tenteranno di fare, ma soprattutto non poteva sapere che lui sarebbe diventato un'icona e che avrebbe avuto tanti fan sparsi per il mondo. 40 anni dopo quella prima pellicola, al buon Dario, ormai avanti negli anni, non resterebbe altro da fare  che ritirarsi a vita privata e allietarsi con l'idea di aver terrorizzato intere generazioni, e invece NO

Lui imperterrito continua nell'orrore, un orrore sperimentale, dove a far ribrezzo non sono le storie che racconta ma proprio i film stessi... che sia in realtà troppo avanti rispetto al pubblico? Solo i posteri sapranno. 

Tornado a quella prima pellicola, posso solo  inchinarmi e renderne omaggio, cercando di elogiarne il tutto. Ma non sapendo da dove iniziare, inizio e concludo con una semplice parola... CAPOLAVORO!

Grazie Dario... ma ora basta però!

 photo FlagofItaly_zpsb7eeccbc.pngIMDb 

5 commenti:

  1. ne parlavo giusto ieri con amici, pensa. ma del "buon dario" farò un ciclo a parte fra un po'. concordavamo sul tuo giudizio cmq ;-)

    RispondiElimina
  2. fantastico!
    dirò un'eresia ma è in assoluto il mio preferito di Argento, in barba ai ben più quotati Profondo Rosso o Suspiria.
    ovviamente concordo sul fatto che ok, Dario ha fatto ha la storia dell'horror recente ma è ora che si ritiri, se non per rispetto ai fan almeno per il suo buon nome.

    RispondiElimina
  3. io pure adorando le piume di cristallo, ho un particolare affetto per profondo rosso, sarà che è il primo che ho visto! il problema è che ormai argento non ha più nulla, è svuotato, sono più di 20 anni che non tira fuori un film decente... il problema principale però è che puntualmente ci casco, me li vedo e ci resto male. il prossimo sarà Dracula!

    RispondiElimina
  4. dopo La terza madre e Giallo mi sono promesso di non guardare più nulla della sua produzione recente. di Dracula avevo addirittura sentito che lo volevano fare in 3D, ma spero di venire smentito :)

    RispondiElimina
  5. lascio la parola direttamente a 4 minuti di inutilità dal nostro dario http://www.youtube.com/watch?v=ccntw_cG9dg

    RispondiElimina