04 febbraio 2011

Triangle - Christopher Smith

Dico subito che il titolo NON si riferisce al Triangolo delle Bermuda. Pure io credevo fosse così, ed è facile cadere nel tranello visto che porta questo titolo ed è ambientato su una nave. 

Christopher Smith (che NON è uno dei tanti figli di Will Smith) dopo Severance e prima di Black Death, dirige quello che ad oggi è il suo capolavoro. Dire di cosa parla il film è un casino... così come dire come finisce. Per come si sviluppa mi ha ricordato Los Cronocrimenesma si differenzia dal film iberico perché in questo caso non c'è né un puzzle da ricostruire, né le masturbazioni cerebrali create dai paradossi temporali. 

La penitenza della protagonista (la bravissima Melissa George) è molto simile a quella di Sisifo "la spia mitologica" (il paragone non scaturisce da una mia incredibile cultura, ma dal fatto che viene nominato nel film stesso). 

La pellicola oltre ad appassionare narrativamente, è anche ben costruita da un punto di vista tecnico, la fotografia degli esterni si amalgama ottimamente al bordello della storia (è bruciata, poi livida, poi neutra e poi di nuovo livida e così via) scandendo giornata/e ed ore. 

Il buon Smith attua la sua maturità con il pieno dei voti... dopo ha diretto Black Death.

 photo FlagofUnitedKingdom_zps214cb752.pngIMDb 

4 commenti:

  1. tra i pochi recentissimi horror\thriller inglesi che mi è veramente piaciuto :)

    RispondiElimina
  2. gli inglesi stanno facendo robetta molto interessante, negli ultimi anni: the descent, doomsday, la serie dead set, eden lake, shaun of the dead... insomma si stanno dando da fare.

    RispondiElimina
  3. be', sì, quelli che citi te concordo che siano tutti gran bei film, ma ultimamente sono incappato in roba tipo Heartless (mediocre) e Dread (ancor più mediocre), aspettandomi qualcosa di livello e trovandomi invece delle cacate immonde.

    RispondiElimina
  4. be si le cazzate sono sempre di più di quelli belli, come tutti quei film che sono usciti copiando l'idea di shaun of the dead... ma almeno loro li fanno, in italia roba sporadica e per giunta pessima!

    RispondiElimina