07 marzo 2011

Ladri di Cadaveri - John Landis

Ottima black comedy che parte subito con humor già nei titoli "Questa è una storia vera (tranne che per le parti che non lo sono)". 

La storia vera è quella dei killer Burke e Hare, tutto il resto è in perfetto stile Landis... le solite cose: commedia, piccoli elementi horror d'altri tempi, facce perfette, un po' di grottesco e almeno un paio di scene memorabili (l'assalto al borghese ciccione con falce e martello, e conseguente morte della vittima per crepacuore è memorabile). 

Non è la massima vetta raggiunta da Landis - come si fa a superare capolavori come Blues Brothers o Un Lupo Mannaro Americano a Londra? - però è davvero un bel film. 

Interpreti ottimi (Simon "Shaun" Pegg e Andy "gollum" Serkis), costumi e scenografie più che realistiche, perfetto British Style... grande ritorno per Landis, tra piedi mozzati e boia moralisti.

 photo FlagofUnitedKingdom_zps214cb752.pngIMDb 

6 commenti:

  1. Ce l'ho pronto da vedere, sicuramente sarà una delle visioni di questa settimana.
    Grande Landis, e non dimenticare Una poltrona per due!
    Tra l'altro, quando lo vidi ad una presentazione anni fa, mi parve anche super pane e salame!

    RispondiElimina
  2. eh certo, quando hai fatto film come quelli, ripetersi è impossibile. ma dev'essere carino come dici

    RispondiElimina
  3. @ford: ma non dimentico manco Animal House!!!
    si leggendo le sue ultime dichiarazioni al festival di roma, mi è parso pure a me un super pane e salame.

    @roby: landis si è ripetuto varie volte... e pure questo devo dire che merita.

    RispondiElimina
  4. lo vedo sicuro, questo.
    poi mi descrivi una scena come quella dell'assalto con falce e martello che deve essere assolutamente da vedere!
    vabbé ragazzi ma non potete dimenticarvi Animal House!!!!

    RispondiElimina
  5. ah ecco, non si era ancora visualizzato il tuo commento! errata corrige, allora :D

    RispondiElimina
  6. tranquillo, non mi n'ero dimenticato del grandissimo animal house!!!
    la devi vedere quella scena... non la si può descrivere!

    RispondiElimina