31 marzo 2011

Cinque dita di violenza - Chang-hwa Jeong

cinque dita di violenza
Pietra miliare del cinema di arti marziali, amatissimo da molti (tra i quali Q.T. che l'ha citatissimo in Kill Bill!), ebbe il merito di mostrare, insieme ai primi Bruce Lee, il kung fu in Italia... poi vabbè quelli con Bruce erano per l'appunto con Bruce e questo è presto andato nel dimenticatoio. 

La trama è ovviamente ridicola, ve la faccio breve: ci sta tale Zao Zi-Ao (scritto Chao Chih-Hao) che si crede un campione ma, dopo essere stato pestato, capisce di essere una pippa e decide di andare dal più bravissimo maestro della Cina. Qua dopo un po' di metti la cera togli la cera, non si sa come, diventa il pupillo del maestro che gli insegna (ma in realtà gli dà solo un manuale) la mossa segretissima del cazzotto a mano aperta sfonda tutto. Nel frattempo una scuola rivale di kung fu, cerca di fare fuori tutti, in modo tale da non avere rivali nel mega torneo galattico, che chi vince poi è fortissimo e può insultare tutti gli altri. 

Ora siccome le trame di questi film non sono poi così importanti, passiamo ai veri meriti del film, che rappresenta tutto un modo di fare cinema, ovvero quello della Hong Kong degli anni '70 e in particolar modo degli Shaw Brothers. I combattimenti sono fighissimi, a volte grotteschi, altre volte al limite del fantasy, ma comunque carichi di violenza e sempre ben coreografati. 

Insomma, vuoi perché a tratti faccia involontariamente ridere, vuoi perché per un nonnulla partono e si prendono a schiaffi, vuoi perché il doppiaggio italiano è un curioso mix tra Beautiful e Ken Il Guerriero, questo Cinque Dita di Violenza è un super cult.

 photo FlagofHongKong_zps3ae10fc1.pngIMDb 

7 commenti:

  1. questo me lo devo vedere proprio!
    grande frank! :D
    "...i combattimenti sono fighissimi, a volte grotteschi...", e what fuck else we need? ahah!

    RispondiElimina
  2. Sembra davvero un supercult!
    Dovrò assolutamente recuperarlo, in memoria di Ken!

    RispondiElimina
  3. mi sa più di roba per voi "fordiani" che per me :)

    RispondiElimina
  4. la mia conoscenza del genere si limita a quelli con Bruce Lee, questo mi sembra proprio il titolo per ampiare "l'orizzonte" :)

    RispondiElimina
  5. we don't need any fucking else!!!
    si ragazzi questo è da vedere a prescindere... anche tu marco!

    RispondiElimina
  6. Queste si che sono mazzate cecate!Insuperabile il titolo italiano.Ottima riscoperta.Un saluto.

    RispondiElimina
  7. ogni tanto i must bisogna ritirarli fuori dalla naftalina!

    in italiano la mossa segreta è stata chiamata "pugno di ferro", senza rendersi conto che tale mossa non prevede nessun pugno (è più una specie di palmata incandescente). Comunque io mi inchino a cotanta genialità!

    RispondiElimina