19 marzo 2011

Frostbiten - Anders Banke

Frostbiten
Dalla fredda Svezia un film di vampiri, prima però di Lasciami Entrare

Con l'essere entrambi svedesi, e parlando di vampiri terminano i legami in comune tra i due film. Questo Frostbiten si presenta come un teen-horror, in stile molto americano, con qua e là punte di humor sottile e ricercato. Il risultato finale, per me, è che si tratta di una grandissima cazzata, scopiazzata qua e là (mi piace dire qua e là!)... e lì. 

Lo humor quando c'è non fa ridere (fosse almeno stupido e demenziale come quelli americani, forse avrei anche potuto sghignazzare) e lo sviluppo della storia lascia il tempo che trova. 
Insomma niente di che! 

Forse le uniche due parti interessanti sono: l'inizio, con i Nazi Svedesi in Ucraina che contraggono per primi il morbo vampiresco; e quella del tipo che, mentre si sta tramutando in vampiro, è a cena a casa dei genitori della ragazza... se proprio si vuole andare a salvare qualcosa, io salvo queste due scene. 

Che poi, per carità, il film non ha difetti di tipo registico o qualitativo, ma è proprio che a me della vicenda non mi è fregato un cazzo.

 photo FlagofSweden_zpsa0a61e6f.pngIMDb 

4 commenti:

  1. Non sembra uno di quei titoli, come dire, imperdibili.
    Tanto meglio, me lo risparmio. ;)

    RispondiElimina
  2. la domanda è: perché l'hai guardato?
    c'è perlomeno della gnocca svedese? in quel caso potrei anche recuperarlo :D

    RispondiElimina
  3. @roby e ford: si cercate di evitarlo, se ci riuscite!

    @marco: me lo sto chiedendo anche io. no nessuna gnocca svedese. non serve manco per uno studio sulle forme femminili del nord europa!

    RispondiElimina