20 aprile 2011

Mad Detective - Johnnie To, Ka-Fai Wai

Pellicola thriller poliziesca, con protagonista un ex sbirro capace di risolvere i casi seguendo le emozioni (e la sua follia) ,piuttosto che la logica... la cosa incredibile è che ci prende! Operazione abbastanza coraggiosa quella, scelta dai due registi cinesi, di portare sullo schermo una sorta di indagine sulla mente umana mascherata da film d'azione. Il film parte alla grande, con un incipit molto intrigante, e con un'affascinante presentazione di questo strano personaggio. Poi ad un certo punto cala, arriva a ripetersi (ma non è detto che ciò non sia in realtà anche voluto!), ed alcuni personaggi, in particolare quello della moglie di Bun (questo il nome del detective), sono poco approfonditi. Nel finale il film si rialza, ci mostra la sua forza, cinismo e ambiguità escono fuori. Viene fuori anche la presenza di To, che costruisce inquadrature e scene memorabili, e tira dal cilindro una vera e propria lezione cinema.
Un film per me inclassificabile, che merita sicuramente una visione perché, sia che la si ami o che la si odi, lascia sicuramente qualcosa!

6 commenti:

  1. Vedrò di recuperarlo, non fosse altro che per l'abilità incredibile di To!

    RispondiElimina
  2. quei "cali" di cui parli li ho notati altre volte nei film di ggionni. l'ipotesi che siano voluti non è da scartare

    RispondiElimina
  3. @james: To anche per fini puramente didattici, merita una visione!

    @roby: vallo a capire ggionni! poi parla pure cinese. secondo me siamo a metà strada, tra il voluto ed il non... poi ripeto, parla cinese.

    RispondiElimina
  4. Mai sentito nominare questo To (scusa l'ignoranza)...
    Buco da colmare a quanto sembra!

    RispondiElimina
  5. grande film, mi è piaciuto moltissimo: l'inizio è grandioso, sono rimasto affascinato. uno dei più tosti che abbia visto di To...

    RispondiElimina
  6. @eddy: sicuramente si. To negli ultimi tempi ha sfornato un capolavoro dopo l'altro... DEVI colmare ;)

    @einzige: certamente è uno dei suoi più cinici! la scena degli specchi è da standing ovation (mi sono letteralmente alzato ed ho applaudito!)

    RispondiElimina