18 aprile 2011

Rubber - Quentin Dupieux

Signore, signori, il film che vedrete oggi e' un omaggio al "no reason", il più efficace elemento di stile.

Con questa frase parte il film, avvertendo sin da subito gli spettatori che tutto quel che accadrà non avrà ragione alcuna (gli spettatori sono presenti fisicamente in scena). 
La trama del film si potrebbe facilmente riassumere con "Uno pneumatico prende vita e inizia a uccidere", ma devo ammettere che, nonostante una trama del genere sia già così allettante, Dupieux stupisce riuscendo ad inserire anche altro. Entra ed esce in continuazione dalla finzione filmica, inserisce un messaggio anti-pirateria e frecciatine all'industria cinematografica Hollywoodiana (rea di derubare, maltrattare e anche uccidere i suoi spettatori)... insomma messaggi anti-sistema! 

Una pellicola totalmente fuori di testa, con piccoli elementi splatter, una schiera di personaggi che agiscono senza nessun motivo, per un film che in realtà non ha nessun motivo di esistere, se non quello di dimostrare che tutto, anche la vita reale, segue le stesse identiche regole. 

La cosa però più assurda (cioè ancora più di tutto quello detto poco fa), nonché sorprendente, è che per certi versi ci si riesce ad identificare con il pezzo di gomma assassino, nella sua folle escalation omicida.

8 commenti:

  1. Eh, si. Devo ancora vederlo ma ce l'ho in priorità molto alta visto che sta diventando il nuovo tormentone della rete... ;)

    RispondiElimina
  2. Mi accodo a Eddy.
    Ne sto sentendo parlare ovunque, quindi sarà sicuramente una delle prossime visioni!

    RispondiElimina
  3. è decisamente un film da vedere... cioè UN COPERTONE ASSASSINO!!! :D

    RispondiElimina
  4. "un" o "uno" prima di "pneumatico"? mi sa che risolverò l'ancestrale dubbio usando il termine "copertone", eheh!
    mi accodo tra i futuri consumatori del prodotto :)

    RispondiElimina
  5. io ho dovuto fare una scelta radicale dirigendomi vero "uno"... copertone è la via più facile, ma l'ho capito troppo tardi! ;)

    RispondiElimina
  6. un film che va a ruba, anzi a rubber
    (giusto per scrivere un commento nonsense)

    RispondiElimina
  7. un film geniale, semplicemente geniale.
    per me è già un mito.
    se già Mr. Oizo aveva tutto il mio rispetto adesso si è guadagnato la mia devozione :D

    RispondiElimina
  8. ahahahahahhahah marco, mai commento più azzeccato!

    si einzige, io ci ho messo un po' per capire che dupiex era mr.oizo (o meglio me l'ha rivelato cannibale sul suo blog). comunque pure per me massimo rispetto... yo!

    RispondiElimina