04 maggio 2011

Ballata Macabra - Dan Curtis

Siamo in ambiente Casa Vivente... precursore di Amityville Horror e La Casa, ma debitore de Gli Invasati

Sebbene il film secondo me non è proprio definibile come horror a tutto tondo, in quando molto spesso vira più verso il thriller, resta comunque, etichette a parte, un caposaldo del genere (e su questo possiamo stare certi). 


Il tutto è giocato sulle atmosfere, sul crescere della tensione, sul disagio psicologico dei protagonisti e sulle loro trasformazioni... perciò non vi aspettate cose sanguinolente perché tanto non ne avrete.
Tra gli interpreti abbiamo tre grandissimi del cinema e proprio grazie a loro il film regge quando si avvertono picchi in caduta libera nella sceneggiatura (non poi così misteriosa). Siete pronti? Vado... Oliver Reed, Karen Black e Bette Davis
Cioè, devo aggiungere altro? 

Dan Curtis gioca benino le sue carte, alcuni momenti sono davvero ben riusciti e angoscianti (viene citato anche Psyco del carissimo Alfred) mentre altri sono inutilmente ripetitivi.

Ballata Macabra è per motivi storici un film da vedere... almeno una volta.

10 commenti:

  1. titolo italico molto intrigante :)

    RispondiElimina
  2. Effettivamente, con un cast e una premessa come questa, non posso perdermelo!

    RispondiElimina
  3. Bello.Visto sempre in notturna su "Fuori Orario".Recensione lucida, in effetti il film presenta alcune lungaggini che la fama di cult tende a minimizzare.Molto bravo.Oliver Reed,un gigante.Un gigante anche nelle bevute.Grande, Frank.Salutiiii!

    RispondiElimina
  4. Questa è carne buona per Belushi... Io (nella mia immensa ignoranza!) non riesco ad apprezzare queste pellicole e sto cercando di "affrontarne" alcune ma con scarsi risultati se non quello di farmi entrare in contatto diretto e rapido con Morfeo ;) Eppure la tua rece è davvero bella!

    RispondiElimina
  5. @roby: anche se non molto inerente al film, il titolo è intrigante.

    @james: no james non puoi, credo che ci sia proprio una legge da qualche parte che te lo vieta.

    @belushi: ciao e grazie! io per reed ho come una specie di attrazione, basta la sua presenza per farmi piacere un film.

    RispondiElimina
  6. grazie eddy! posso chiederti con quale film ti stai cimentando? comunque se il corpo reagisce male non ci puoi fare niente, restano encomiabili li sforzi ;)

    RispondiElimina
  7. White Dog consigliato da Belushi è quello a cui sto approcciando con più fiducia...

    RispondiElimina
  8. ce l'ho nell'imminente programmazione pure io, sempre consigliato dall'illustre belushi! È così ostico?

    RispondiElimina
  9. No, no! Anzi. Il problema sono io XD
    Faccio davvero fatica ad entrare nell'ottica "oldies" perché ho sempre una strana sensazione di "perdita di tempo", ma non fraintendermi! Adoro Hitchcock, i western alla John Wayne e amo le produzioni horror dell'80 ma se vado più indietro finisco per annoiarmi a morte se la pellicola non prende una "piega interessante"... that's all folks!

    RispondiElimina
  10. Be penso che un film che non prende "piega interessante" sia letale sempre e comunque, non c'è epoca che tenga. Comunque posso capire cosa intendi, io ho più o meno lo stesso problema con i film orientali (esclusi giappo, cinesi e koreani), poi quelli indiani per me sono improponibii... mi sono fatto un pregiudizio sbagliato (mi sarò annoiato a morte) che non riesco a superare!

    RispondiElimina