14 maggio 2011

White Dog - Samuel Fuller

Questo grande film è stato consigliato dal cane da tartufo cinematografico alias Belushi, che ci tengo a ringraziare per l'enorme quantità di film (diciamo curiosi!) che tira fuori dal suo magico cappello.

Questo è un film che definire feroce è poco, non tanto per le scene di violenza (che restano comunque di notevole impatto) quanto per il malessere generale del film, il cui unico messaggio che porta è che il razzismo è incurabile

Il razzismo in questo caso è impersonato dal Cane Bianco, nome che oltre ad identificare il colore dell'animale ne rappresenta anche l'aspetto caratteriale/comportamentale, ovvero l'essere stato addestrato ad attaccare ed uccidere persone di colore. La cosa più sconcertante però è l'altro, ovvero  quello che non vediamo, quello che è successo prima della storia a cui assistiamo. Infatti, il solo sapere che dei malati (ma molti li conoscono anche con l'altro loro nome, ovvero emerite teste di cazzo) abbiano creato un mostro simile, supera di gran lunga qualsiasi scenario orrorifico portandoci alla consapevolezza (ancora una volta) che l'essere umano è tra le bestie più meschine e crudeli del creato... ed è proprio questo aspetto che ci fa stare male durante la visione, non tanto il film in sé! 

Dal punto di vista cinematografico la mano registica di Fuller si sente eccome, come si sentono ancora nei movimenti di macchina e di zoom (pochi ma efficaci) una certa influenza anni '70, nonostante la pellicola sia datata 1982. 

Un film che, a quanto pare, ha avuto non pochi problemi ma che dovrebbe (a discapito della brutta nomea che si porta dietro) essere usata anche con scopi didattici.

8 commenti:

  1. Fuller è un mostro, cazzo. Davvero un bomba, sempre scomodo, ma sempre attuale.
    Questo però mi manca, dovrò recuperarlo senza dubbio.

    RispondiElimina
  2. bella frank! recensione condivisa in toto. anch'io ce l'ho lì da vedere, ma mo' aspetto un po', è uscito in molti blog amici :D

    RispondiElimina
  3. Grazie, Frank!!!Contento che tu abbia apprezzato il capolavoro di Fuller.Grazie mille per la citazione,é un grande piacere!Un saluto,Ciaooo!

    RispondiElimina
  4. Lo debbo assolutamente recuperare. E io invece che mi ostino a vedere ciofeche recenti come "L'ultimo esorcismo" (che pietà!). Bel commento che incuriosisce ancora di più sulla storia del film ;)

    RispondiElimina
  5. @james: io dovrei approfondire meglio fuller. ne ho già in programma un altro!

    @roby: ciao roby. io l'ho visto solo da belushi! ora attendo la tua ;)

    @belushi: era il minimo, specialmente dopo un ottimo film come questo :D

    @alan: grazie alan! ti capisco sulle ciofeche, l'ultima vista è stata Insidious.

    RispondiElimina
  6. grandissimo film! l'ho amato (e lo amo tuttora) moltissimo perché non mi aspettavo niente di che... e invece!
    da vedere e rivedere!

    RispondiElimina
  7. concordo in pieno... un film che resta impresso!

    RispondiElimina