03 giugno 2011

I Duellanti - Ridley Scott

Film di debutto di Ridley Scott, e che debutto aggiungerei! Tratto da un romanzo breve di Conrad, si narra di "vendetta ossessione e onore" (cito il retro del DVD). Storia metafora del periodo Napoleonico, con i due tenenti che nell'arco di 16 anni si sfideranno a duello ad ogni buona occasione... fino a perderne il senso e i reali motivi, già di partenza futili. Due caratteri diversi, uno ossessionato dal voler a tutti i costi difendere l'offesa subita (Napoleone) e l'altro che, nonostante sia consapevole dell'assurdità della faccenda, continua a stare al gioco dello sfidante (altri paesi). Scott mostra estro e voglia di fare, che verranno poi amplificati nei successivi Alien e Blade Runner, fino a spegnersi e standardizzarsi nei film successivi. Grandi i due protagonisti/antagonisti Keith Carradine e Harvey Keitel nell'impersonare i due tenenti. Due personaggi a loro modo folli e morbosi, che si nutrono dei continui duelli attraverso un'Europa (fotografata) cupa e fredda!

Scena del duello a cavallo! (peccato per la scarsa qualità delle immagini)


6 commenti:

  1. eehhh... bella frank, ogni tanto piazzi qualche stoccata sui grandi classici. ottimo! :)

    RispondiElimina
  2. Film immenso, rivisto recentemente, visione obbligatoria da farsi prima di Alien e Blade Runner. E questo, come gli altri due film citati, li puoi rivedere quante volte vuoi, non annoiano mai, anzi.

    RispondiElimina
  3. Un esordio incredibile per una serie di film - i primi del vecchio Ridley - davvero da brividi.
    Ricordo quanto mi conquistò il continuo bisogno dei due contendenti di arrivare a sapere, pur se in momenti diversi, chi l'avrebbe spuntata alla fine.
    Un pò come nelle storie d'amore.

    RispondiElimina
  4. @roby: ogni tanto vado su colpo sicuro. non posso sempre sperimentare :D

    @harmonica: verissimo, sono film che reggono bene il tempo, senza essere mai fuori "moda" o sorpassati.

    @james: uno dei migliori esordi di sempre. è come una storia d'amore morbosa, malsana e malata. la necessità di avere, e combattere, la propria nemesi per determinare se stessi!

    RispondiElimina
  5. Bellissimo film! Grande,Frank!Non lo vedo da parecchio, é ora di ridargli uno sguardo.Ciaoo!

    RispondiElimina
  6. ciao belushi! se è passato tanto tempo, credo che l'ora sia giunta di rispolverarlo. dai che poi voglio leggere la tua :)

    RispondiElimina