15 luglio 2011

Furia cieca - Phillip Noyce

So per certo che molti di voi si saranno chiesti, almeno una volta nel corso della  propria esistenza, come mai a Hollywood non hanno pensato di fare un remake di Zatoichi? È mai possibile? 
Cari miei poveri ingenui, voi non state attenti! Non siete sul pezzo. Perché la versione americana di Zatoichi esiste eccome. E da un sacco di tempo! 
Era il lontano 1989 quando Phillip Noyce diede il primo "Action!" al combattente cieco Rutger Hauer... e quando un paio di anni dopo (credo!) apparve nel palinsesto di Italia 1, il rec del mio videoregistratore si accese e immortalò, per il mio personale diletto, questa immensa tamarrata
Ebbene si cari miei, sempre di tamarrata si tratta, non aspettatevi niente di lontanamente vicino a qualsiasi Zatoichi voi abbiate visto. 
Scene cult a go-go si alternano durante tutta la pellicola, con Hauer che sbruffoneggia e battibecca con l'imbecille bambino protagonista. La violenza è misera, il sangue non sgorga (punto a sfavore del film) e rimane fermo, immobile, sugli squarci dei texani cerebrolesi del film (tra questi vi è anche Nick Cassavetes) che affrontano il nostro cieco eroe.
Il film si salva solo per motivi nostalgici, tra battute improbabili, combattimenti un po' così e storia telefonatissima.


Ma, nonostante tutte le brutte cose che ho appena detto, il film resta un cult. Chi mi ama, ormai sa che da queste parti le becerate piacciono!

13 commenti:

  1. e a noi i tamarri (questo tipo di...) ce piacciono!

    RispondiElimina
  2. oh mio dio! Lo adoravo da piccola ed avevo dimenticato della sua esistenza! ahahah, lo devo rivedere.

    RispondiElimina
  3. Grande Frank.
    Supercult totale, anche se rivisto adesso mostra tutti i suoi limiti.

    Alicesu, è sempre un piacere riscoprire certe perle!

    RispondiElimina
  4. Bimbo, io e mio cugino da piccoli ci bendavamo per imitare Roy Batty cieco (!) e poi ce le davamo di santa ragione con i bastoni perché non riuscivamo a schivare i colpi. Mio cugino ha ancora una cicatrice sul ginocchio sinistro... ;)

    RispondiElimina
  5. Ho mandato all'ospedale mio fratello un paio di volte.. Tra bruce lee, Roy batty e le tartarughe ninja, non facevamo che menarci.

    RispondiElimina
  6. ahahahaha siete grandiosi!
    bellissime le testimonianze...

    RispondiElimina
  7. Super cult tamarro.
    davvero una perla, è parecchio che non lo vedo, ma ricordo che da piccolo volevo essere cieco come il protagonista.
    Poi mi ripigliavo e tornavo a giocare al gameboy.
    Alla parola gameboy mi si sono inumiditi gli occhi.
    Nostalgia canaglia.

    RispondiElimina
  8. vero un supercult! come dice james a vederlo oggi vengono fuori tutte le brutture... certi film non dovrebbero essere rivisti, lo dico sempre ma non lo faccio mai :P

    non sono mai entrato in possesso del gameboy, sto rosicando da morire. però avevo l'action set nintendo eheheheheh

    RispondiElimina
  9. Io non avevo videogiochi, ma in compenso me menavo un sacco in giro per sale giochi e bar. Il film una perla tamarra, una delle cose migliori di Noyce dopo "Ore 10- Calma piatta" con la Kidman che si fa sbattere da Billy Zane.

    RispondiElimina
  10. Dal tunnel dei videogiochi io non sono mai uscita...

    RispondiElimina
  11. @belushi: vabbè pure io giravo per sale giochi... i giochi erano diversi ;)
    mi manca "ore 10" ma mi hai incuriosito parecchio con questo particolare da te descritto :D

    @alice: io mi sono riuscito a disintossicare.

    RispondiElimina
  12. Che grande chicca questo film, lo riguarderei volentieri perchè mi ricordo ancora l'entusiasmo con cui lo guardavo da ragazzino. Peccato sia scomparso dal palinsesto e sia difficile da recuperare anche su dvd

    RispondiElimina
  13. ciao wild!
    vero, prima lo mandavano a rotta di collo in tv. non saprei dell'edizione in dvd, credo ne esista una ma non l'ho mai ricercata :D

    RispondiElimina