29 ottobre 2011

Blitz - Elliott Lester

Film di sbirri di matrice Britannica, con il re Jason Statham
Siamo ancora una volta sul classicheggiante, una pellicola solida e onesta con il solito detective solitario e dai modi bruschi (leggi sociopatico) alle prese con un killer ammazza sbirri. La pellicola scorre, forse un po' troppo lentamente, senza alcun incidente o scivolone, mantenendo salde le aspettative dello spettatore (a patto che non ci si aspetti un capolavoro). La parte action è un po' risicata (non vi aspettate un Crank) e forse con appena un paio di scazzottate in più sarebbe già stato diverso... intendo in meglio! 
Come spalla di Statham abbiamo Paddy Considine, già incontrato qualche volta e che si sta decisamente facendo strada.
Film così così, non imprescindibile. A tratti intrattiene.
Però sappiamo tutti che il Re può dare di più, molto di più!

9 commenti:

  1. be', il grande (perché lo è!) Jason mo' c'ha appiccicato Crank addosso... magari volevano stare un po' sul noir.

    RispondiElimina
  2. non è malaccio... carino, dai. bello l'inseguimento a piedi e anche qualche altra scena.
    poi Jason Statham spaccherebbe il culo pure a una montagna!! con una mano!

    la storia è un po' una reinterpretazione del mitico caso Scorpio, con qualche variabile, ma fa niente :)

    RispondiElimina
  3. voi avete ragione, ma se io leggo statham comunque mi aspetto tanti sonori calci in culi a mezzo mondo.
    si la storia è una variazione si Scorpio, ma non è tanto quello, io volevo che tutto fosse come la bella scena iniziale: una strada, 4 criminali, jason e una mazza da hurling ;)

    RispondiElimina
  4. vabbe' ... Jason va visto a prescindere e poi ha fatto anche di peggio, tipo il fantasy In the name of the king :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo, sul fatto che si possa sempre fare di peggio non c'è storia e ringrazio iddio che almeno questo sia decente. però se si sfruttava un po' di più jason, facendogli fare quello che gli riesce meglio (e cioè picchiare la gente) sarei stato più felice :D

      Elimina
  5. Ormai il mitico jason è sinonimo di action, quando come in questo caso, sembra prendersi una pausa, si rimane delusi, per il resto il film si lascia guardare, dopo tutto come si è gia detto ha fatto anche di peggio, anche se non considero in the name of the king un brutto film, un jason "diverso" lo si può vedere in london dove usa più il linguaggio verbale che la violenza fisica!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma lo sai che London mi manca? ho sempre avuto timore nel vederlo proprio perché Jason non mena forte! dici che ne vale la pena un recupero?

      Elimina
  6. Ciao frank finalmente sei tornato!!!!! comunque, il film secondo me, merita la visione, anzi in caso fai anche una recensione, sono curioso di sapere cosa ne pensi...... certo non è un action ma potrebbe riservarti delle sorprese la performance di jason, è poi si vede lei jessica biel in tutto il suo splendore!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cinefilo!
      ok allora vedrò di dargli un'occhiata, grazie per la dritta. certo la biel varrebbe la sola visione del film ;)

      Elimina