19 ottobre 2011

Delta Force - Menahem Golan

Chuck Norris, la cui traduzione letterale significa "Eroe Americano con barba" (giuro ho visto sul dizionario!), nel suo film più grande. Il FILM che ha tutte le lettere maiuscole! 
Delta Force prende ispirazione da una storia vera, quella del dirottamento di un aereo TWA (nel FILM si chiama AWT) accaduto nel giugno (nel FILM è luglio) 1985. E narra le vicende per l'appunto di un dirottamento aereo e dell'intervento di salvataggio della Delta Force, i più cazzuti tra i cazzuti militari ammerregani... le selezioni per entrare nella Delta Force si fanno con un mega-torneo di schiaffo del soldato - giuro! me l'ha detto Pino il barbiere, che lui queste cose le sa! 
Ora va da sé che gli avversari arabi siano invece delle iper-pippe
Non ci credete?
Il bilancio finale alla fine del film è: Morti Arabi 35000/40000 e una città in ginocchio - Morti Americane 2 (uno è però un ostaggio legato mani e piedi!) e poi qualche graffio.

Ma tornando alla pellicola c'è da premettere una cosa, e cioè che tutta la prima ora (il FILM dura 125 minuti, ed è tantissimo!) è di una rottura di palle, retorica e patetismo che tanto per farvi un'idea provate ad immaginare un filmato di un'ora con Reagan seduto sul cesso intento ad espellere un bisogno interiore che proprio non ne vuole sapere di venir fuori. Ecco la prima ora di film è così, tra le sofferenze di una donna incinta, un prete cattolico che si auto-martirizza, gli ebrei che vengono nuovamente ghettizzati e trattati in modo "speciale", una bimba che chiede al dirottatore di trattare bene il papà e il marinaio che viene pestato perché indossa un'orrenda camicia a fiori. Poi però... poi Chuck si incazza di brutto. E lo show inizia! Norris praticamente da solo sbaraglia un esercito intero senza fare una piega, una mitragliata qua, un calcio la e il gioco è fatto. Lee Marvin da parte sua si limita a dare ordini e guardare Chuck con dei leggeri scuotimenti di testa come a voler dire "ma sei proprio un birbantello!". Tutta l'oretta di FILM che resta è così, una sorta di risarcimento per tutti quelli che hanno resistito alla prima parte.

Chiudo con un bel Chuck al tramonto... e non dimenticate che quando Chuck prende un cazzotto in faccia in realtà lo sta parando con la barba!

Chuck Norris

nota:
A dirigere abbiamo un genio (non sono ironico!). Già regista di autentiche perle come Over the Top o Enter the Ninja, Menahem Golan era il grandissimo produttore nonché capoccia della Cannon Group. della quale ho già accennato in precedenza.

5 commenti:

  1. bon... partirò a vederlo direttamente dal minuto 61 allora! :D

    RispondiElimina
  2. Non lo vedo da una vita: dovrò rispolverarlo per un bel tuffo nel passato e negli eighties degli action heroes! ;)

    RispondiElimina
  3. perché, chuck norris ha fatto anche dei film??
    °__°

    non si finisce mai di imparare.. :)

    RispondiElimina
  4. questo è uno di quelli che più facevo fatica a digerire, data la prima ora con così poche botte e calci rotanti... il mio preferito di Chuck resta però Rombo di tuono, visto un'infinità di volte!

    RispondiElimina
  5. @roby: probabilmente è una scelta saggia!

    @james: essì james una rinfrescatina ogni tanto ci vuole ;)

    @marco: e ne ha fatti pure parecchi :D

    @einzige: il mio (anche se non vedo da un millennio) è Invasion USA. Mitico Chuck!

    RispondiElimina