30 ottobre 2011

Everybody Wants to Be Italian - Jason Todd Ipson

Mettiamo subito le cose in chiaro. Qua non si tratta di Italiani, cioè persone che vivono sul suolo italiano, ma di Italo-Americani, cioè persone che parlano l'Itagliano (loro credono che sia l'italiano originale, ma non è così) e hanno mantenuto credenze e usanze trogloditiche e si vestono come dei buzzurri. Scusate ma la premessa era necessaria. 

Il film gioca tutto sugli stereotipi che gli stessi italo-americani si ostinano a mantenere in vita e sono le solite cose che si vedono in tutti i film con gli italiani ammerrecani. Cose del tipo che le donne italiane devono prendersi cura degli uomini... cioè roba da medioevo! E le cose peggiorano quando si immaginano l'Italia (quella vera) e la riproducono con ancora i treni a vapore, i panni stesi per strada e donne procaci, vestite alla Ciociara, che urlano e passano il tempo alla finestra. 
Tornando al film in questione trattasi di una commediucola su due tipi (uomo e donna), che si piacciono, e siccome l'uno crede che l'altro sia italiano (ricordate la premessa), e che in quanto tali si accoppiano solo con italiani, si fingono a loro volta italiani... e quindi vengono educati a comportarsi come tali dai loro amici, veri italiani. Detta così sembra una cosa intricata, ma è una cazzata.
Capito che roba?

5 commenti:

  1. cioè, al cospetto un film con er cipolla e biagio izzo ci guadagna..

    RispondiElimina
  2. Si sa, ormai, che gli americani ci vedono come dei preistorici. Pensa che io vidi "When in Rome" (La fontana dell'amore in italiano) e pensano che l'auto più potente in Italia sia la 500 e, per le strade, non rispettiamo per niente i codici stradali. C'è una scena dove a New York c'è traffico e la protagonista dice all'autista:"Guidiamo come se fossimo a Roma". Vi giuro, una cosa imbarazzante. C'è la recensione sul nostro blog. Comunque è un film anni luce indietro rispetto a questo pessimo film che hai recensito e che mi trova d'accordo in tutto e per tutto.

    RispondiElimina
  3. a me vengono i nervi! cioè per When in Rome sono venuti a Roma... ma dico io, non hanno visto che ci siamo un po' civilizzati?
    lo stesso succede nel film con la Roberts (mangia, prega ecc) dove nella sua casa romana non aveva l'acqua calda oppure in un film con Keitel in toscana dove ci stanno i treni a vapore e non è un film in costume. Sono scandalosi!

    RispondiElimina