11 ottobre 2011

Pallottole su Broadway - Woody Allen

Lo sguardo impietoso di Allen si abbatte sul teatro!
Woody mette in scena lo spettacolo, partendo dalle retrovie, mettendo sul palcoscenico dei personaggi tronfi e fieri dei loro ruoli, dei veri e propri eroi, che si riveleranno per quello che sono, ovvero dei codardi. Qualcuno capirà i propri limiti, altri soccomberanno. Allen è spietato, ma la sua spietatezza è sempre leggera e cinica, ben mascherata in dialoghi al vetriolo e battute pungenti... arte peculiare del regista. L'unico che resta fermo sulle sue posizioni è il gangster Cheec (un Palminteri memorabile!), che nonostante abbia un ruolo moralmente ambiguo è l'unico che porta a termine fino alla fine la sua logica, senza piegarsi.
Oltre al già citato Chazz spiccano per bravura: Dianne West (beccò l'oscar per la sua interpretazione), John Cusack che riveste il classico personaggio Alleniano e Jennifer Tilly nella parte della cagna Olive. Ma anche il resto del cast non è niente male.
Tutto gira alla perfezione, una macchina che sembra semplice e invece dimostra di avere degli ingranaggi ben più complicati. 
Da vedere, non ve ne pentirete!

8 commenti:

  1. Concordo in pieno, Frank!
    Uno degli Allen più brillanti del passato recente.
    E grandissimo Chazz!

    RispondiElimina
  2. Fantastico, gli attori tutti grandissimi, con la West e la Tilly a dir poco esilaranti. Un Allen in grandissima forma, attento ai minimi dettagli (io mi ricordo anche di ottime musiche e fotografia). E il cammeo di Woody, l'hai scorto?

    RispondiElimina
  3. atmosfera fantastica, poi l'ambientazione newyorkese Allen riesce a rappresentarla sempre egregiamente... la sceneggiatura, come sempre, er mejo der mejo!!!

    RispondiElimina
  4. vedo che siamo tutti d'accordo sulla riuscita del film e sul cast azzeccatissimo.

    @perso: nooo, dov'è woody? non l'ho visto!

    RispondiElimina
  5. no questo mi manca di Woody! se merita lo recupero all'istante!

    RispondiElimina
  6. È quando giustiziano uno, mi pare nel porto. Lui è il giustiziato e sii intravede la sua sagoma ma soprattutto di riconosce la sua voce nell'originale!

    RispondiElimina
  7. ho capito la scena, ma non ci ho fatto caso alla sagoma... purtroppo poi l'ho visto doppiato. comunque grazie per la chicca!

    RispondiElimina