10 ottobre 2011

Red State - Kevin Smith

Il primo film direct-to-fans!
Red State non è un horror. Parte che sembra un horror, ma poi si trasforma in qualcosa di molto più simile ad un thriller, dietro al quale si cela (non molto velatamente) un attacco, diretto e ben assestato, alle palle della religione e del governo. La visione è completamente spiazzante per chi ha amato alla follia i film di Smith, perché qui il regista è totalmente spietato e assolutamente poco ironico (un paio di cosucce però ci sono, ma giusto un paio). Dimostra di non essere un regista capace di fare solo commedie (e solo nel suo stile), ma di essere molto più eclettico e abile nello scrivere e nel dirigere un film di questo tipo, con scene d'azione e di tensione e quant'altro... e di saperlo fare pure bene!
Il cast, nonostante sia un prodotto indipendente, è di prim'ordine e particolarmente inspirato. Michael Parks è praticamente immenso, ha un monologo di ben 20 minuti (più o meno) che vola manco avesse fatto un semplice cenno con la testa. Melissa Leo è inquietante il giusto e senza strafare. John Goodman, che è sempre bravo, qua raggiunge i livelli di Lebowski. Dulcis in fundo segnalo le ottime prove dei giovani Michael Angarano, Kyle Gallner e Kaylee DeFer.

Il film è stato girato e distribuito lontano da Hollywood, in totale indipendenza e libertà. Infatti Smith ha deciso di distribuirselo da solo, e se andate su questo sito potete comprare il film in tutte le salse, più tanta altra roba e pure una telefonata con Kevin! Altra decisione - ahimè - presa dal regista (e spero che NON mantenga la parola data) è quella di ritirarsi dopo la sua prossima commedia Hit Somebody... le motivazioni sono che "lì (a Hollywood ndr) c'è troppa merda".

Devo ammettere di essere stato scettico di questa visione sin dalle prime voci che girarono, sia per lo scotto subito da Cop Out, nel quale il tocco del regista è totalmente assente, sia per il fatto che fosse un film diverso al solito. Ma ora sono contento di aver visto un film semplicemente fighissimo... mo' vedete voi che fare!


Leggenda vuole che Quentin Tarantino dopo la visione del film abbia dichiarato "i fucking love this movie" e poi abbia insistito nel volerlo rivedere!

10 commenti:

  1. E' uno dei titoli che attendo di più in questo periodo.
    Spero di recuperarlo presto.
    Grande Kevin, non ritirarti! ;)

    RispondiElimina
  2. mah, non mi ha convinto un granché.
    sembra un episodio di south park che però non fa ridere...
    grande però michael parks!

    RispondiElimina
  3. da grande fan di Kevin Smith, questo non me lo perdo... WOW, non vedo l'ora!!!
    forza Silent Bob!!! :D

    RispondiElimina
  4. gran film.
    lo stile mi è piaciuto un sacco, oltre ovviamente ai dialoghi (che sono da capogiro, come il monologo di Parks che citi te).

    speriamo che non si ritiri e che, anzi, aiuti la scena indipendente, a questo punto!

    RispondiElimina
  5. Ho amato parecchio Kevin Smith, soprattutto con Generazione X, il film nerd per eccellenza.
    Di questo Red State ho letto le meglio e le peggio cose, non vedo l'ora di gustarmelo!!

    RispondiElimina
  6. vedo che è molto atteso! di sicuro lascerà alquanto spiazzati perché molto lontano dal solito kevin smith. comunque anche se si dovesse ritirare, da quanto ha detto continuerà a promuovere i nuovi registi indipendenti... ma speriamo che rimanga tra loro!

    @marco: ma non è che sei rimasto deluso proprio perché ti aspettavi di ridere?

    RispondiElimina
  7. Ho atteso questo suo lavoro con ansia, da bravo fan si Smith. Spero solo ripensi alla decisione di ritirarsi, perchè i suoi film, anche se tra alti e bassi, sono sempre parecchio interessanti.

    RispondiElimina
  8. se è vero che è piaciuto a Tarantino allora è imperdibile :) Fin da subito la trama mi ha dato l'impressione di nascondere qualcosa di geniale. Ottimo, lo vedrò al più presto.

    RispondiElimina
  9. @weirdcave: siamo in molti a sperare in un ripensamento!

    @wayne: ciao e benvenuto! tarantino non è che sia proprio il massimo dell'affidabilità, almeno non sempre. Io mi son trovato quasi sempre in accordo con lui ma mi vengono in mente film da lui elogiatissimi come La belva col mitra, Bright Star e Somewhere (che ha fatto vincere a Venezia) ai quali urlo a gran voce QUESTO NO! :D

    RispondiElimina
  10. ahahah, si si l'ho detto con sarcasmo. Grazie del benvenuto, ciao :)

    RispondiElimina