28 novembre 2011

Carnage - Roman Polanski

"Perchè non dovrei dire l'Ave Maria facendo sesso?"
Pellicola veloce, furiosa e spesso divertente quella creata da Polanski, che per la prima volta, dalla sua fuga, torna ad occuparsi degli Stati Uniti e dei suoi abitanti (anche se, per ovvi motivi, è stato tutto ricostruito nella più sicura Europa.). E proprio per questo mi sembra strano che, con un'occasione ghiottissima come questa, Roman non colpisca diretto alla giugulare della borghesia americana. Certo non la descrive benissimo, è nevrotica, superficiale, ipocrita, finta e altezzosa, ma la carneficina, o meglio la pentola a pressione che è Carnage, non scoppia mai... fino in fondo. 
Ottima, ovviamente, la sezione artistica con Jodie Foster, Kate Winslet, Christoph Waltz e John C. Reilly. Tutti attori di prim'ordine e bravissimi, anche se Waltz per me è una spanna sopra gli altri. 
Polanski dirige bene, sfrutta tutti gli spazi disponibili e rende la scena il più dinamico possibile... coadiuvato, indubbiamente, da un ritmo molto elevato nei dialoghi e dallo scarso minutaggio.
Non una brutta pellicola ma neanche un grande film... siamo su un livello medio.
Chi ha paura di Virginia Wolf? resta ancora imbattuto!

9 commenti:

  1. Concordo in pieno: dopo il convincente L'uomo nell'ombra un passo indietro per il vecchio Polanski.
    Sinceramente, pensavo anche io sarebbe stata una carneficina ben più d'impatto! ;)

    RispondiElimina
  2. Sono in disaccordo. L'ho trovato lucido, graffiante, feroce e terribilmente divertente...

    RispondiElimina
  3. new, come dice anche james, mi aspettavo molta più cattiveria e la tanto agognata carneficina. probabilmente queste mie aspettative hanno generato una sorta di malcontento. però hai ragione ci sono dei momenti "terribilmente divertenti".

    RispondiElimina
  4. Bellissimo, ho adorato soprattutto il finale. Al di là di tutto quello che hanno detto i personaggi, è stato quello a dare loro lo schiaffo finale e a mostrare, se ce ne fosse bisogno, come il mondo attuale si regga su problemi e valori inesistenti.

    RispondiElimina
  5. Siamo tra i pochi a pensarla così, visto che il film è stato accolto come un capolavoro dalla maggior parte della critica e del pubblico!

    RispondiElimina
  6. @babol: dici cosa vera e giusta, ma da come l'ho vista io è stato più un buffetto che uno schiaffo :D

    @perso: probabilmente il fattore polanski ha fatto la sua parte... ma queste sono comunque illazioni di poco conto. io sinceramente avrei preferito molto più cinismo e magari anche sangue!

    RispondiElimina
  7. concordo in pieno, Frank.
    dov'è la cattiveria? dov'è la critica alla borghesia? lasciata a casa, così non si turba nessuno. e dire che di frecce da scagliare ce n'erano in abbondanza...

    RispondiElimina
  8. ancora lo devo vedere, cercherò di farlo il prima possibile perchè Polanski è uno dei miei autori preferiti :)

    RispondiElimina
  9. @einzige: mi sa che come dici tu sia stato tutto smussato per non avere problemi, così nessuno si offende... troppo comodo :D

    @arwen: polanski è sempre polanski e va comunque visto ;)

    RispondiElimina