19 novembre 2011

Hell Night - Tom DeSimone

Hell Night è uno slasher anni '80. Non certamente un must come Nightmare o Venerdì 13 ma uno dei tanti, infatti non raggiunge manco i livelli di The Prowler.
La storia è sempre la stessa. Gruppo di studenti (sempre i più cretini, quelli da competizione!) rinchiusi dentro una casa dove in passato è stato commesso un massacro, e guarda caso l'assassino non è mai stato trovato. Bu! Paura eh?
Il film è molto ingenuo e ripropone tutti i cliché del genere, senza sforzarsi per un qualcosa anche minimamente originale (anche se è carina l'idea di vestire i protagonisti con dei costumi ottocenteschi così da farlo sembrare, a tratti, un film gotico), ma proprio per questa sua ingenuità diventa talvolta molto divertente e soprattutto interessante da vedere. 
Divertente perché alcune cose che accadono sono talmente idiote e assurde, che stupirebbero pure un personaggio cretino di uno dei tanti slasher degli anni '80 alle prese con la visione di questo film (forse è una prospettiva meta-cinematografica un pelo contorta). 
Risulta, al tempo stesso, interessante perché ogni volta che mi trovo di fronte a pellicole di questo tipo mi domando: "ma davvero ci si spaventava per 'sta roba?". Perciò per usufruire dell'aspetto interessante, vi tocca fare come me ed entrare nell'ottica di "studio antropologico".
Nel cast c'è Linda Blair... Reagan de L'Esorcista... ve la ricordate? era quella che vomitava verde... lei si salva... mi sa che questo non ve lo dovevo dire!


Il gore non è pervenuto!

0 commenti:

Posta un commento