07 novembre 2011

L'eroe della strada - Walter Hill

Il debutto registico di Walter Hill!
L'eroe della strada è forse, a mia umile memoria (se erro vi prego di intervenire), il primo film di botte di questo tipo... cioè sui combattimenti clandestini... tanto per capirci alla Lionheart o Blood and Bone. C'era stato un paio di anni prima Enter The Dragon con Bruce Lee, ma era comunque un torneo e quindi un'altra cosa.
Protagonista della vicenda è Charles Bronson. Chaney (così si chiama!) è forse un vagabondo, forse uno dei tanti colpiti dalla Grande Depressione o forse un lottatore professionista, forse non è dato saperlo. È un uomo senza passato, un uomo che per il semplice fatto che ha le sembianze di Bronson sappiamo che se l'è vista dura e, sempre grazie a quella faccia, sappiamo che non mollerà e che si guadagnerà onestamente da vivere... anche se questo significa pestare gente. Impressionante quanto, a volte, non serva assolutamente a niente raccontare le cose e tutto diventa implicito vedendo solo una semplice faccia!
Hill, come farà anche successivamente in Driver, lavora in sottrazione dandoci giusto lo stretto indispensabile per godere del film. Noi vediamo praticamente solo un pezzo della storia... nessun passato e nessun futuro... nessun "si sposarono e vissero felici e contenti".
Accattivante e paracula la scelta di ambientare il film durante gli anni del disastro economico. Accattivante per via dei costumi, delle ambientazioni, della musica ecc.
Paracula perché così il pubblico entra più facilmente in empatia coi personaggi e ne accetta in qualche modo le loro azioni (il tutto però senza mai appesantire la narrazione con scene pseudo documentaristiche e patetismi da 4 soldi). 
Detto questo mi tocca affermare che la violenza, nonostante possa essere per qualcuno eccessiva, è una violenza onesta. Non c'è nessuna cattiveria e nessun sadismo, si combatte per soldi e tutti i combattenti seguono la ferrea regola del Bare-knuckle boxing... non colpire l'avversario a terra. 
Regola semplice, giusta e soprattutto facile da ricordare!

6 commenti:

  1. Questo mi manca, ma mi sa tanto che dovrò assolutamente recuperarlo!

    RispondiElimina
  2. ancora devo trovare Driver l'imprendibile... adesso aggiungo pure questo. Ma un giorno li troverò!! :)

    RispondiElimina
  3. ragazzi recuperate assolutamente :D

    @vincent: vedi che non sono così difficili da trovare... se poi giri per bancarelle si trovano a 3 Euro ;)

    RispondiElimina
  4. Questo lo recupererò sicuramente. E poi Charles Bronson mi dà una scarica adrenalinica che...altro che Stallone e Van Damme:D

    RispondiElimina
  5. bronson è bronson e su questo non ci piove, ma van damme fa delle spaccate che bronson se le sogna e stallone ha quel labbro che bronson si è pentito tutta la vita di non aver avuto :D

    RispondiElimina
  6. Sì, sì, son d'accordo. Però è cosa personale:D. Magari è carattere o i miei gusti vertono più alle bronsoniate:D. Comunque non posso negare che Sly e JCVD, qualche volta, mi hanno fatto emozionare anche loro:D

    RispondiElimina