16 novembre 2011

Pontypool - Bruce McDonald

Ottimo horror indipendente questo Pontypool, che se preso in considerazione potrebbe dare una sterzata ad un genere forse giunto a  saturazione... specialmente in ambito zombie!
Tutta l'epidemia è praticamente solo raccontata, di zombie ne vediamo pochissimi, e la tensione montata dalle sole parole è veramente efficace così come è efficace la claustrofobia della stazione radio dentro la quale è ambientato tutto il film.
Il tutto funziona a meraviglia, l'idea geniale (non ve la dico tranquilli) che muove Pontypool è di alto potenziale e mi chiedo cosa avrebbe potuto fare un Romero se fosse passata tra le sue mani. McDonald, per carità, ha molto talento e non voglio assolutamente sminuire le sue qualità, ma c'è da dire che avrei volentieri fatto a meno dello spiegozzo (una cosa che personalmente odio) e di un finale un po' scanzonato e distruggi tensione.
Ottimo e azzeccato l'attore protagonista, lo speaker radiofonico interpretato da Stephen McHattie (l'attore ha una voce incredibile e ammaliante).
Uno zombie-movie di seconda mano - perché non vediamo quello che accade ma ci viene riferito - e che, nonostante non sia esente da difetti, è sicuramente da vedere. 

10 commenti:

  1. bella Frank, giusto segnalare chi ci prova ancora a rinnovare lo zombesco, operazione non facile

    RispondiElimina
  2. Concordo con la recensione. Non mi ha fatto impazzire ma ha di sicuro parecchi spunti interessanti (e davvero, McHattie fa venire i brividi... che voce! CHE VOCE!).
    La storia a me è sembrata un attimo confusa, almeno nel finale, tuttavia l'ho visto da un paio d'anni ormai, magari sono i ricordi ad essere un po' incasinati.

    RispondiElimina
  3. Gli zombie (walking dead a parte) mi hanno un po' stufata... ma se dici che questo è particolare potrei anche cercarlo!!

    RispondiElimina
  4. be l'operazione di rinnovo non era facile e sicuramente non è del tutto riuscita... però resta un film sicuramente interessante che almeno tenta qualcosa di nuovo!

    RispondiElimina
  5. Mi hai incuriosito parecchio. E poi adoro le atmosfere claustrofobiche. Vedrò di dargli un'occhiata.

    RispondiElimina
  6. L'ho visto qualche giorno fa e penso di spendere pure io quattro parole al più presto! ;)

    RispondiElimina
  7. @weird & der: allora aspetto i vostri pareri sul film :D

    RispondiElimina
  8. Se Romero avesse messo le mani sopra un idea geniale, seppur vaga come quella del film che purtroppo il finale perde, sarebbe stata consentitemi e scusatemi il termine La Solita Minestra del Cazzo.
    Sono assolutamente convinto del fatto che Romero in quanto regista è iper, iper sopravvalutato.
    Si, ha sfornato opere di genialità.. Ma il problema è forse quello di non saperle sfruttare affatto. In gran parte le sue opere sembrano essere la stessa minestra, ma con degli accorgimenti e sapori differenti... Il gruppo che si salva... amore amore.. bla bla bla.. Gore a non finire finale.. E se così non fosse?
    Ci ritroviamo con una delle sue idee geniali ma sfruttata e diretta, scusatemi ancora, alla cazzo di cane!


    Questo Ponty Pool.. Non è affatto quello che potete immaginare.. Non lo è affatto.. Credetemi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sai che ripensandoci e reputando comunque romero un grandissimo, rispondendo alla mia stessa domanda "mi chiedo cosa avrebbe potuto fare un Romero se fosse passata tra le sue mani" direi anche io "la solita minestra del cazzo".
      certo il buon romero non lo reputo un sopravvalutato, ma anzi uno che spesso è stato capace di rinnovarsi anche tecnicamente a distanza di 10 anni come di 40 anni dal suo debutto.

      Elimina