22 novembre 2011

Sennentuntschi - Michael Steiner

Sennentuntschi ha avuto una gestazione travagliata. Poi la provvidenza, sotto le sembianze di persone coi soldi, l'ha riportato in vita e il film ha avuto un tale successo in patria che l'eco è arrivato fino agli altri paesi... in Italia ad esempio ha trionfato al ToHorror!

Parlare della trama è veramente difficile. La struttura è molto stratificata, e visto che tutto ciò non bastava, vi è anche una bella mescolanza temporale degli eventi che spesso confonde e non ne facilità la visione. Steiner gioca con realtà e leggenda, con il classico horror fiabesco e fatti di cronaca, con il folklore e la religione, con la superstizione e la sessualità. Sicuramente molta carne sul fuoco!
Sul piano tecnico il film è ben fatto, niente di straordinario tutto è come dovrebbe essere... poi il bel paesaggio montano certamente da una mano.
Un film che pur avendo dei difetti ti ammalia e si rimane lì curiosi di sapere, esattamente come i bambini di fronte alle favole.
Capito la Svizzera? Zitta zitta, coi suoi orologi a cucù e la cioccolata... e chi l'avrebbe mai detto! 

Imdb


Ah, non vi ho menzionato che la sennentuntschi è un elemento del folklore delle Alpi, la così detta "bambola dei pastori".

4 commenti:

  1. l'avevo scaricato tempo fa. mi sa che è ora di vederlo...

    RispondiElimina
  2. Ce l'ho in imminentissima visione. E noi italianske stiamo a guardare...

    RispondiElimina
  3. questo non l'avevo mai sentito, ma mi incuriosisce parecchio, segno e grazie per la segnalazione :D

    RispondiElimina
  4. l'ho trovato molto interessante, soprattutto nel constatare che anche gli svizzeri ci fregano!

    RispondiElimina