28 dicembre 2011

Cuba libre - La Notte del Giudizio - Stephen Hopkins

Modesto thriller anni '90 ambientato nei meandri di una tetra e cupa giungla urbana.
La pellicola di Hopkins pur non avendo molta originalità, deve qualcosina ai Guerrieri di Hill, resta ancora un film avvincente, teso, ritmato a dovere e sopratutto godibile. La storia è il classico "buoni inseguiti dai cattivi", anche se i buoni ogni tanto si comportano da stronzi (ma robetta borghese, mica come i criminali) che se messi alle strette sono capaci di far scatenare la belva maligna assopita in loro.

SPOILER (evidenzia per leggere)
Non a caso il più stronzo del gruppo muore subito mente gli altri due semi-stronzetti vengono puniti. Ognuno alla fine paga il conto, così tutti sono felici... soprattutto quello che è stato sempre buono, pacato e politically correct.
FINE SPOILER

Hopkins gira molto bene dosando alla perfezione azione, drammaticità e quel minimo di sentimentalismo maschile che serve per farci entrare in empatia con i protagonisti. Belle le scene finali dove vi è un crescendo di primi, primissimi piani e split-focus... peccato che la sceneggiatura non regga il confronto con la tecnica proprio in questo frangente del film, scadendo leggermente.
Nel cast abbiamo figure come Emilio Estevez, Cuba Gooding Jr., Stephen Dorff, Jeremy Piven, Peter Greene (Zed di Pulp Fiction!) e il bravissimo Denis Leary... attori che, chi più chi meno, oggi sono relegati in ruoli di secondo piano! 

"Non muovetevi, non bisbigliate, non respirate."


Nella soundtrack troviamo Faith No More, Dinosor Jr., Sonic Youth e Tom Petty.
Il titolo Cuba Libre (titolo della versione italiana) è stato dato senza alcun criterio logico.

3 commenti:

  1. Buon film per gran parte della sua durata, se ricordo ancora oggi diverse scene vuol dire che è valido. La colonna sonora talmente bella da avere ancora il CD ORIGINALE spesso tirato via dalla polvere.

    RispondiElimina
  2. Mi ricordo quando mio fratello se lo schiaffava due o tre volte al giorno: che ripescaggio - anche se modesto, è vero - Frank! :)

    RispondiElimina
  3. @amos: tecnicamente il film è molto valido in parecchie occasioni, peccato che la sceneggiatura ogni tanto arranca faticosamente. colonna sonora da urlo!

    @james: un buongustaio tuo fratello ;)

    RispondiElimina