02 dicembre 2011

Midnight in Paris - Woody Allen

È con giubilo e molta contentezza che vi parlo del nuovo lavoro di Allen!
Midnight in Paris è un ritorno ad un storia alleniana doc, si nota una volontà del regista di volersi divertire e di raccontare proprio una bella storia... o meglio una fantasia scaturita dal fascino di una città come Parigi.
Mi ha ricordato molto il bellissimo La rosa purpurea del Cairo, non per affinità narrative (sono due trame completamente diverse), ma per quell'approccio fantasy/romantico presente nel film del 1985. I "viaggi" nei segreti e mitologici passati di Parigi fatti da Wilson sono, oltre che un goliardico gioco alla scoperta di alcuni dei personaggi più importanti ed ispiranti dell'umanità, dei viaggi nel proprio essere e nell'accettazione del proprio presente. La Parigi filmata da Allen non è esente dai soliti cliché e dalla rinomata nomea che si porta dietro (città più romantica ecc.), ma Woody è ben attento e ce la mostra anche sotto altri aspetti, facendola diventare un vero e proprio personaggio a se stante.
Wilson è perfetto nella rappresentazione del protagonista (ovviamente ricalca molto il giovane Allen), riuscendo a dare credibilità alle continue sorprese, agli spaesamenti, al romanticismo e alle elucubrazioni mentali. Cast variegato e ispirato: Rachel McAdams, Michael Sheen, Alison Pill, Corey Stoll, Marion Cotillard, Léa Seydoux, Kathy Bates , Adrien Brody Gad Elmaleh... ah poi ci sta pure un'altra che... lasciamo perdere!
Allen coglie il segno e ci regala una pellicola diversa da quelle viste negli ultimi anni e a questo punto non ci tocca che sperare per il capitolo romano.


L'ultima scena, per via di fatti conosciuti e facilmente reperibili in cronaca, ha un montaggio strano (per non dire sbagliato) e disturbante. Le colpe ovviamente non cadono su Woddy, che sappiamo non sbaglia cose di questo tipo, ma ai due protagonisti della vicenda che hanno costretto Allen a mettere le toppe.

17 commenti:

  1. prima o poi devo cercare di farmelo piacere 'sto regista...

    RispondiElimina
  2. Lo guarderò oggi, ma ne sto sentendo parlare solo bene.
    Meglio così, perchè gli ultimi anni non sono stati un granchè, per Woody!

    RispondiElimina
  3. @roby: eretico :D

    @james: allen è stato altalenante negli ultimi 10 anni, però rimane allen!

    RispondiElimina
  4. Sono di parte e mai obiettivo quando c'è di mezzo Woody Allen :)
    Lo adoro!!
    Il film è proprio bello, in uno Scott Fitzgerald's style divino.
    Non ha approfondito molto i personaggi femminili, ma non gliene faccio troppo una colpa perchè Owen Wilson è bravo e riempie bene la scena.

    Comunque concordo con te!

    RispondiElimina
  5. che fatti di cronaca? Vivo in un bunker in cui non entrano notizie "mondane" (potrei dire che non entrano notizie punto) ma mi hai incuriosito!

    Il film a me non è piaciuto tantissimo, però anche io ho pensato alla Rosa purpurea del Cairo. Che adoro, invece.

    RispondiElimina
  6. credo sia il mio film di allen preferito. davvero un sogno

    riguardo all'ultima scena non ne so niente?
    che è successo??

    RispondiElimina
  7. Evvai!Dovrei vederlo domani..meno male, ultimamente il buon Woody segnava un pò il passo.

    RispondiElimina
  8. @vincent: concordo, wilson riempie tutto il film e lascia poco spazio ai comprimari. un grande allen!

    @alice: sicuramente sono state fugaci notizie che sono giunte fino a te... una sfuriata sul set da parte di un noto personaggio politico francese?
    La rosa purpurea è uno dei grandi capolavori di Allen, questo lo ricorda ma certamente non lo supera.

    @marco: be se noti l'ultima scena ha i controcampi sbagliati, cioè due tagli d'inquadrature diverse e non vengono mai corredati da un bel totalino. anche l'attacco della scena è errata. c'è una voce fuori campo e wilson che parla verso l'esterno dell'inquadratura, cosa che non è sbagliata se poi però la persona all'esterno fa il suo ingresso o se l'inquadratura la va a "prendere" (qui però non succede e si passa direttamente ai primi piani). insomma doveva esserci un'altra persona in quella scena... e l'hanno dovuta rigirare, però wilson non era disponibile e quindi ecco il risultato.

    @new: vai tranquilla new :D

    RispondiElimina
  9. non avevo prestato così attenzione...
    comunque pensavo dietro ci fosse qualche aneddoto di gossip, non so, una qualche scenata di carla bruni.. :)

    RispondiElimina
  10. ormai ho più curiosità per l'ultima scena che per il restante film!! no, beh esagero! non vedo l'ora di vederlo :)

    RispondiElimina
  11. @marco: be in realtà c'è, però la scenata di folle gelosia l'ha fatta sarkosy!

    @der: spero di non averti influenzato più di tanto la visione. ma se le cose dovrebbero andare come credo, sei così ammaliato che è probabile che te ne dimentichi ;)

    RispondiElimina
  12. Ho capito, ho capito, lo vado a vedere!!
    Sto incappando in troppe recensioni soddisfatte, e al cinema delle mie parti non passa altro al momento u__u

    RispondiElimina
  13. a questo punto puoi anche sentirti costretta :D

    RispondiElimina
  14. Frank: nono, non sapevo e non so niente, te l'ho detto che questo è un bunker!

    RispondiElimina
  15. be, se hai intenzione di partecipare a qualche quiz show ora sai anche questo.

    RispondiElimina
  16. aaaaaaaaah un film riuscitissimo e molto azzeccato, Allen ha diretto un film davvero bello, bravissimo Owen Wilson :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un grande ritorno per allen e wilson è inaspettatamente perfetto come impersonificazione di allen!

      Elimina