06 gennaio 2012

The Reef - Andrew Traucki

The Reef è un mix di Open Water e il classico Lo Squalo (ormai qualsiasi film con gli squali deve qualcosa al film di Spielberg). Ma oltre ai riferimenti cinematografici può vantarsi del fatto di essersi ispirato a fatti realmente accaduti. 
Lo spettatore di un film come questo parte dal presupposto che 1) è di fronte a un film horror e 2) che si ha a che fare con uno squalo. Ma bisogna aspettare più di 30 minuti per veder arrivare una delle due cose,  e questo dalle mie parti significa che qualcosa non va! 
Vi assicuro che all'impaziente spettatore non frega una beneamata minchia dei trascorsi amorosi dei due protagonisti, vuole solo vedere gente mangiata viva dallo squalo. 
Traucki, che in precedenza ha diretto un film su un alligatore grossissimo (non l'ho visto), gira discretamente e fa quel che può viste le scarse possibilità di manovra (mare, 5 persone e squalo, questo è tutto il film) che si è dato (è anche autore della sceneggiatura) creando questa sua seconda opera. Come dicevo, nonostante ci metta troppo ad arrivare al punto, riesce comunque a creare un credibile stato di angoscia data dalla situazione. Note positive si registrano nella bella scena del ribaltamento della barca e nelle riuscite immagini subacquee che danno un senso di ovattamento e straniamento. Ma anche queste restano comunque cose già viste e straviste che non stupiscono più nessuno. 
Un normale horror acquatico con squalo, dove della sorte dei 5 personaggi non frega assolutamente niente a nessuno.

11 commenti:

  1. Mi sa tanto che questo me lo posso pure saltare. ;)

    RispondiElimina
  2. mmm, di recente ho già visto shark night 3d e direi... fino all'estate basta squali.
    anzi, mi sa che è meglio evitarli pure d'estate :D

    RispondiElimina
  3. @james: mi sa tanto che fai bene :D

    @marco: be se hai visto shark night 3D credo che tu possa essere esonerato dal vedere film di squali per almeno un paio d'anni :D

    RispondiElimina
  4. Qualcuno me ne ha parlato bene, lo vedrò di certo, bello o brutto che sia...

    RispondiElimina
  5. Penso che dopo aver visto "Pirana" ieri sera ormai potrei vedere di tutto...

    RispondiElimina
  6. naaa piranha è un capolavoro e spinge sul trash spingendo sul grottesco giocando col genere. questo invece è serioso e, oltre a dover aspettare un'infinità per vedere lo squalo in azione, si resta pure delusi dalla pochezza della splatterata.

    RispondiElimina
  7. abbiamo visto lo stesso piranha??Dio che schifo....

    RispondiElimina
  8. se ti riferisci a piranha 3D di Aja, allora abbiamo lo visto lo stesso film :D

    RispondiElimina
  9. Io l'ho trovato un film splendido e realistico! Lo squalo si Spielberg (grande inchino al maestro) era chiaramente di pura invenzione, questa storia invece risulta plausibile proprio per la mancanza di scene eccessivamente truculente o thriller. E sptt crea un'ansia pazzesca, data dal non sapere mai cosa c'è sotto di te, un film veramente fantastico, sono così delusa che non sia uscito in Italia!
    ps. non ho ancora visto Shark night 3D! Busogna rimediare! =P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sono stato colpito così positivamente, però non mi ha del tutto dispiaciuto. ripeto che forse alcune parti ammazza-tensione le avrei evitate volentieri ma in fondo è un prodotto molto discreto. comunque è uscito in italia, non ricordo se al cinema ma in dvd è sicuro.

      Elimina