15 febbraio 2012

Sans laisser de traces - Grégoire Vigneron

Sans laisser de traces è un thriller dei nostri vicini francesi ed segna il debutto alla regia di Vigneron, sceneggiatore de Le avventure galanti del giovane Molière e de Il piccolo Nicolas.

Il film, nonostante abbia una storia impostata come si deve e soprattutto non preveda l'idiozia dello spettatore, ha purtroppo la pecca di non coinvolgere troppo. La direzione di Vigneron è convincente, la prova di Benoît Magimel è ottima e sfaccettata (fisicamente mi ha ricordato Sean Penn e un paio di volte il Dandi della serie Romanzo Criminale) e, non riuscendo a trovare il dove sia il problema, azzarderei l'ipotesi che l'intoppo sia dato dalla scarsa alchimia che tra Magimel e il suo collega François-Xavier Demaison, che stavolta risulta un po' spaesato e poco suo agio nella parte dell'amico-imbecille Chambon (ma è solo un'ipotesi, non sto andando a caccia di streghe).
Un film fatto bene, intelligente, intrigante ma comunque di scarso interesse...c'est la vie!

5 commenti:

  1. A volte capita che ci siano film ben fatti che, però, non riescono a colpirci.
    Mi sa tanto che me lo salto, dato il tuo parere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verissimo quel che dici.
      però non escludo che qualcuno possa rimanerne colpito. in quanto è comunque un film ben fatto.

      Elimina
  2. Le avventure galanti del giovane Molière era una figata e Benito Magimel mi piace assai. Cmq seguo il tuo consiglio e lo salto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le avventure del giovane moliere mi manca, però ho apprezzato molto Il piccolo nicolas!
      come per james non me la sento in realtà di consigliare la non visione del film. ho il forte sospetto che potrebbe piacere :P

      Elimina
  3. io invece, avendo attualmente una fissazione per i film francesi, mi sa che me lo guardo.

    RispondiElimina