02 marzo 2012

50/50 - Jonathan Levine

Bellissimo!

50/50 è il risultato di un'alchimia quasi divina data dalla combinazione di attori, azzeccati e bravi, e una sceneggiatura che definire perfetta è forse poco.

Partiamo dalla sceneggiatura.
L'autore Will Reiser ha veramente passato le pene dell'inferno, ma a parte questa nozione che potrebbe pure non essere così importante, c'è da dire che è riuscito nell'incredibile impresa di scrivere la storia di un ragazzo a cui viene diagnosticato il cancro in modo spontaneo e naturale (il classico caso di semplice ed efficace). Dico spontaneo perché la pellicola è esente da qualsiasi ricatto e/o mezzuccio spesso usato per portare il pubblico a commuoversi, ma anzi (e qua c'è l'altra grande impresa di Reiser) riesce addirittura ad essere divertente... ma non quel divertente cinico o imbarazzante, parlo del divertente sincero... non so se mi spiego.

Gli attori (Joseph Gordon-Levitt, Seth Rogen, Brice Dallas Howard, Anna Kendrick e la veterana Anjelica Huston) fanno veramente schifo da quanto sono immensi e perfetti per la pellicola. Avranno avuto anche l'ausilio di una sceneggiatura bella, con i dialoghi brillanti e bla bla, ma credetemi quando vi dico che ci si commuove - roba da occhi lucidi- perché si arriva a vedere Adam come un amico personale. 

Per non parlare poi dell'attacco suoi titoli con Yellow Ledbetter dei Pearl Jam...

Io un film così, su un tema "difficile" come può essere quello del cancro, non l'ho mai visto. 
Fossi in voi non me lo lascerei scappare!

15 commenti:

  1. grande film e una sceneggiatura spettacolare!
    un crimine non abbia ricevuto nemmeno 1 nomination agli oscar... ma vabbè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti devo dare ragione. meritava più di una nomination e meritava sicuramente l'oscar per la sceneggiatura... ma vabbè

      Elimina
  2. A me ha profondamente depresso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. be il rischio in questi casi è sempre dietro l'angolo. a me tutto sommato ha preso bene, in fin dei conti è speranzoso.

      Elimina
  3. Ma porca miseria. A me l'argomento ha toccato troppo da vicino e ci sono rimasto bruciato (ma più ustionato, direi) e faccio sempre le smorfie con questi film. Lo recupero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. posso solo che lontanamente immaginare, quindi non saprei che dirti. l'unica cosa è che non mi sono sentito in qualche modo "truffato" da espedienti infami ma ho trovato tutto molto spontaneo. fammi sapere cosa ne pensi tu.

      Elimina
  4. l'ho messo in lista grazie al cannibale, lo vedo in settimana ;)

    RispondiElimina
  5. Film davvero notevole!
    In effetti sceneggiatura e Gordon-Levitt andavano considerati per gli Oscar. Ma se ci mettiamo a parlare di tutti gli esclusi viene fuori una lista di gran lunga superiore a quella dei candidati. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si infatti e loro avranno pure ragione che in fondo una selezione deve essere pure fatta, quindi è inevitabile che qualcuno venga escluso (a volte sono casi veramente eclatanti come questo o Drive) ma è pure giusto che sia così.

      Elimina
  6. grande film, concordo in tutto e per tutto.
    nella scena della litigata di Rogen con la Brice Dallas Howard per poco non scendevo dalla poltrona a dirgliene quattro anch'io!
    il primo di Levine, The Wackness, era simpatico, ma con questo ha superato ogni (mia) aspettativa: ormai è un nome che mi sono segnato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si vero, pure the wackness non mi era dispiaciuto. speriamo continui così ;)

      Elimina
  7. molto molto bello!
    attori maledettamente perfetti.
    visione straconsigliata.

    RispondiElimina
  8. Bellissimo!
    Ed ennesimo scandalo degli ultimi oscarini...
    Ma alla fine quindi ce l'hanno fatta a farlo uscire in italia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni tanto anche da noi esce qualcosina. certo sempre in ritardo, ma sempre meglio di niente!

      Elimina