06 marzo 2012

The Hunter - Daniel Nettheim

Lo scontro di un uomo contro la natura, contro la società della quale è ospite, contro le multinazionali e contro se stesso. 

Willem Dafoe interpreta il cacciatore solitario (un killer assoldato per eliminare l'ultima tigre della Tasmania vivente), dal passato oscuro e dal carattere freddo. Un uomo metodico che non lascia tracce. Contro di lui praticamente tutti, tranne la famiglia che lo ospita e che ne scioglierà lentamente il cuore diventando surrogato del padre sparito da tempo (e al quale era stata affidata la sua stessa missione).
Questo è The Hunter

The Hunter purtroppo l'ho trovato un film incompleto e diviso in due parti. Molto bella, suggestiva e intrigante la parte herzohiana, quella che vede l'uomo da solo nella natura selvaggia alla ricerca del Tilacino (che forse manco esiste più). Molto meno interessante, invece, la parte domestica e cittadina che, oltre ad essere poco intensa nei rapporti tra i personaggi, risulta anche poco credibile.
Quindi un lavoro riuscito a metà quello di Nettheim, che deve sicuramente ringraziare il sempre bravo Willem Dafoe (molto a suo agio in parti ambigue come queste), l'onesto Sam Neil (che viene poco sfruttato), Frances O'Connor (mia vecchia fiamma post-adolescenziale dopo Amore e altre catastrofi) e le magnifiche bellezze naturalistiche della Tasmania.

Secondo me non supera la sufficienza!

0 commenti:

Posta un commento