21 marzo 2012

Mr. Smith va a Washington - Frank Capra

Diretto nel 1939 da Frank Capra, Mr. Smith va a Washington è sicuramente uno dei film più importanti del regista Italo-Americano.

Pur risultando, come altri film di Capra, un tantinello schematico e didascalico, la pellicola colpì - e colpisce tutt'ora - per la sua critica verso la classe politica corrotta e opportunista. La visione che ci offre Capra, attraverso la memorabile interpretazione di James Stewart, è quella del singolo che alza la voce e, attraverso una dura lotta (che culmina nella famosa scena del discorso "infinito" al Senato), denuncia e mette a tacere chi detiene il potere, ristabilendo così la democrazia. 
Una specie di preambolo di quello che accadrà da li a poco con la lotta ai totalitarismi europei?

Comunque una pellicola/inno di democrazia e di onestà... che non farebbe male far passare più spesso in TV, con la remota speranza che almeno uno tra tutti quelli che ci rappresentano lo veda per sbaglio!

4 commenti:

  1. Non male la speranza di cui parli, anche se credo che messi di fronte all'evidenza i nostri simpatici politici rifiuterebbero di cambiare in ogni caso.
    Capra, comunque, mitico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo che, anche se dovessero incappare in questa pellicola, non capirebbero di cosa parla. per loro sarebbe tipo una roba di fantascienza o comunque non ascrivibile alla realtà.

      Elimina
  2. ho paura che quei tipi che ci rappresentano si addormenterebbero a sentire parlare così a raffica Stewart. Sono daccordo, è un lavoro fatto con sincerità e voglia di cambiare le cose, e "solo" per questo merita attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ogni tanto aprirebbero un occhio tanto per controllare che non si stiano perdendo qualche bel culo.

      Elimina