03 marzo 2012

The Woman in Black - James Watkins

Tornano sul Cinema Spiccio sia James Watkins (avevamo tanto apprezzato il suo Eden Lake) che la Hammer (quest'ultima ci aveva allietato con il remake Let me in e orripilato e deluso con Wake Wood).
Le due forze insieme, con l'aiuto della matrice letteraria ad opera di Susan Hill, portano a casa un vero lavorone. Un horror dal sapore antico, ben confezionato, con tutti gli elementi ben calibrati e usati alla perfezione, che almeno in un paio di occasioni fa scattare qualche sussulto.

Watkins gioca bene le sue carte buttandosi nel classico e nel gotico e richiamando, nella messa in scena, proprio i vecchi film che hanno reso celebre la Hammer. Riutilizza ancora quegli escamotage che risultano ad oggi, nonostante gli ormai abusati effetti chirurgici/gore degli ultimi anni, funzionanti e funzionali. Il paesino sperduto, il popolo ritroso, morti misteriose e una vecchia storia che è meglio non rivangare. Poi case lugubri, un po' di nebbia, il vento, strane ombre, un attore bravo e credibile (Daniel Radcliffe mi ha proprio stupito), alcuni rumori sospetti et voilà, il gioco è fatto. 
Classico, semplice, efficace ma al tempo stesso moderno.

Un'operazione quindi riuscita che appaga le alte aspettative (sia in Watkins che nella Hammer) che mi ero posto.

10 commenti:

  1. L'avevo scartato perché il "costume" non mi piace. Caz... adesso mi tocca vedermecelo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma come per il costume? non ti vedi i film in costume?

      Elimina
    2. Mi sono spiegato male... :P
      I film in costume mi piacciono parecchio ma i film "di genere" in costume nn mi sono mai ispirati, mi annoiano. Ma non è una regola. Il dracula di coppola per me è un must.
      Pensa che non mi piaqque neanche sleepy hollow!

      Elimina
    3. vabbè sleepy hollow non è piaciuto a molti e non credo si possa definire di genere (io non lo considero un horror).

      scusami se sono puntiglioso, ma la mia è solo curiosità. ma la cosa vale anche per i western? in fin dei conti sono in costume e di genere.

      Elimina
  2. a me è sembrato un filmetto inutile, soporifero e per nulla spaventoso.
    l'unica cosa che mi ha inquietato è stata le recitazione di harry potter, davvero un trauma! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma com'è possibile? ti è piaciuto Insidious e non questo che è circa tremila volte meglio?

      Elimina
    2. ma in questo film non succede assolutamente niente: 1 ora e mezzo di sguardo nel vuoto di harry potter!
      insidious sì che era un horror, non sta robetta per potteriani :D

      Elimina
    3. ma si che ne succedono di cose!
      viene costruita tutta la storia, vengono presentati sia i personaggi che la "leggenda", il mistero viene alzato e poco a poco svelato, ci sono morti misteriose. e non sono manco certo che ai fan di potter debba piacere per forza.

      Elimina
  3. curiosissimo di vedere come se la cava Watkins dopo quel filmone di Eden Lake, poi per film "classici" come questo ho un debole patologico :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si pure a me piacciono molto i film dall'aspetto "classico". sono ai miei occhi punti guadagnati in partenza. Wolfman, in gran parte, l'ho apprezzato per quel suo essere antico.

      Elimina