31 marzo 2012

Young Adult - Jason Reitman

Al suo terzo lungometraggio da sceneggiatrice (il secondo con Reitman) Diablo Cody sembra che abbia sparato tutte le sue cartucce e che le promesse fatte con Juno siano rimaste lì. 

La pellicola pur parlando in maniera anche abbastanza seriosa di maturazione, di prospettive di vita ecc. non mi ha per niente convinto. Pedante, ripetitiva, scontata e fintamente "politicamente scorretta" (come a voler dire "guardate quanto ci vado giù pesante... faccio mangiare il cane direttamente dalle scatolette. fuck you!").
Ho parlato fin'ora solo di Diablo e della sua sceneggiatura perché credo che, in fondo, sia il perno cardine su cui si poggiano i problemi di questo film. Tant'è che sul buon Reitman non ho molto di che lamentarmi. La sua regia é senz'altro standard ma resta comunque in linea con il film, e poi su di lui sono ancora abbastanza fiducioso perché fino a Young Adult non mi ha mai completamente deluso... e se ve lo state chiedendo la risposta è si, a me Tra le nuvole è piaciuto.
La Theron non l'ho mai considerata una grande attrice, sicuramente è fregnissima ma non è l'attriciona che ti fa svoltare il film. Al massimo è l'attrice che fa quello che deve, come in questo caso.
Insomma cara Diablo anche stavolta ti meriti una bella ramanzina.

È stato definito da qualche parte come una metafora del sogno americano infranto, ma per ora ad essere infrante sono solo le mie... be, l'avete capito. 
Se volete, la mia definizione (totalmente freeware) per Young Adults è: MAPPERFAVORE!!!

2 commenti:

  1. Inizialmente l'ho pensata anche io così, ma più passava il tempo e ripensavo alla visione, e più la sceneggiatura mi pareva convincente.
    Mentre invece Tra le nuvole l'avevo trovato deludente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me pure ripensandoci non mi ha convinto per niente, mi sembra molto pretestuosa e finta. poi boh, e che magari sono insensibile :D

      Elimina