23 aprile 2012

I nostri giorni felici: primi amori, primi vizi, primi baci - Olivier Nakache, Eric Toledano

Prima di sbancare i botteghini con Quasi amici i due registi Olivier Nakache e Eric Toledano avevano tirato su, ampliando un cortometraggio precedente, questa commedia "vacanziera".

Ricordo che quando la vidi fu per puro caso, infatti l'avevo snobbata a causa dell'idiota titolo Primi amori, primi vizi, primi baci e, come capita spesso e volentieri in questi casi, rimasi spiazzato. La pellicola è difatti una graziosa (termine un po' da nonna) commedia. Una di quelle commedia che talvolta tocca anche il drammatico per poi subito dopo lanciarsi in gag esilaranti. È il classico film dove un gruppo di persone evolve il proprio carattere nel corso della storia e, nonostante sia ambientata in un periodo chiuso e limitato nel tempo, ne esce cambiato. Capito?

Ottimi gli attori adulti e a dir poco eccezionale quelli minorenni. Tutti comunque, sia grandi che piccini, sembrano avere quell'affiatamento e quella complicità che difficilmente si riesce ad evincere dalla semplice visione di un film, segno questo che devono essersi veramente divertiti durante e le riprese e, chissà, magari sono cambiati anche loro.

Assolutamente consigliato nonostante l'orrido titolo, poi misteriosamente mutato in Summer Camp nell'uscita in dvd. Uscita che però mantiene il sottotitolo Primi amori, primi vizi, primi baci... e che dire, si vede che ne vanno fieri!

4 commenti:

  1. d'accordo con te. pure io l'ho trovato carino. niente di entusiasmante ma godibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si alla fine non è niente di che ma come dici è godibile. la mia sorpresa dipese dal pregiudizio che mi aveva scatenato il sottotitolo italiano :D

      Elimina
  2. Un film che vidi la prima ed unica volta la bellezza di 5 anni fa, lo notai in videoteca come ultimo arrivo e lessi la trama che mi spinse al noleggio, quindi sinceramente non ricordo molto, però ricordo che alla fine della visione esclamai: pensavo peggio.... quindi credo che possa tranquillamente meritare una visione, aldilà come già detto per il sottotitolo alqunto discutibile, ma si sà, la distribuzione italiana ci ha già ampiamente abituato a simil traduzioni!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la maledetta distribuzione italiana!
      c'è da dire che ormai aspetto con giubilo un film chiamato alla cazzo giusto per avere la scusa di inveire contro di loro :D

      Elimina