26 aprile 2012

L'armata delle tenebre - Sam Raimi



Good. Bad. I'm the guy with the gun.

Più che i suoi due, e aggiungerei strepitosi, predecessori della saga de La Casa di Raimi il mio Mitico è il terzo capitolo. Ebbene si, proprio L'armata delle tenebre.

Non saprei dire quale sia il motivo che negli anni passati mi ha spinto sempre a prediligere questo piuttosto che gli altri due, ma resta il fatto che le visioni dedicate alla terza avventura di Ash sono di gran lunga superiori alla somma di quelle che ho dedicato agli altri due messi insieme. Le opzioni che mi sono dato a riguardo sono principalmente due. La prima è che l'uscita del film coincise con un determinato periodo della mia vita durante il quale mi aprivo alla settima arte e ne sono rimasto in qualche modo affezionato. La seconda ipotesi è che qui il grande Sam non si è proprio regolato, facendo così breccia nel mio cuore e dimostrandomi che qualsiasi cazzata ti possa passare per la mente la si può mettere su pellicola.

L'armata delle tenebre è qualcosa che io definirei un film adatto a tutti. 
E già cari miei!
Secondo me è infatti un film da famiglia e forse Raimi, che stupido non è, questo ben lo sa. Se vedete bene, all'interno della pellicola c'è tutto quello che potrebbe piacere a membri medi di una famiglia media. C'è la storia romantica per le mamme; sangue e lotta su sfondo medievale per i babbi; geyser di sangue, squartamenti con in più un esercito di scheletri per i giovini figlioli. Per tutti c'è poi il viaggio nel tempo, una tematica che, secondo me, non ha né sesso né età. 
Visto? Non siete daccordo? Come? Le giovini figliole? 
Be, le giovini figliole nella sera dedicata a L'armata delle tenebre possono benissimo uscire con le amiche o scrivere sul diario. Non è colpa mia né di Raimi se, con le loro assurde pretese di peluche e treccine, rovinano un equilibrio familiare costruito in modo così certosino.

Perciò famiglie riunitevi e godetevi quella grandissima figata che si chiama L'Armata delle tenebre... perché spacca ancora di brutto!

13 commenti:

  1. Ash spacca!! Divertentissimo!
    Mitico il bastone di tuono, i mini Ash... potrei continuare all'infinito ma mi fermo ricordando la fantastica scena del pozzo. Punto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco benissimo l'entusiasmo e rilancio ricordando la grandissima scena coi tre libri e la frase in latino... semplicemente geniale!

      Elimina
  2. Give me sugar babe... mi viene da piangere. Bellissimo.
    Gli altri due episodi sono horror 90% e fantasy 10%. Qui la saga prende un'altra piega e Sam ci da dentro con le invenzioni. Favoloso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nel partorire questo terzo capitolo, secondo me, avranno deciso di buttare tutto in "caciara" ed esagerare. e mai vi fu scelta più giusta :D

      Elimina
  3. M-I-T-I-C-O.
    Non aggiungo altro.

    RispondiElimina
  4. Dammi un po' di zucchero, beiiibiii!!

    Sono molto più affezionata a La casa 2, ma L'armata delle tenebre è sempre stato qualcosa di esilarantissimo, mitico, divertente!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. be niente da dire, la casa 2 merita comunque tutto il respetto possibile ;)

      Elimina
  5. Grande Bruce Campbell,non potrei mai immaginare un Ash, senza il suo volto, la sua fisicità e le sue smorfie, quando vidi per la prima volta il film non avevo ancora mai visto la casa 1e2,e sinceramente non sapevo che facesse parte di una trilogia, anche se il primo come si sà, è un horror a tutti gli effetti rispetto ai seguiti è soprattutto questo come hai detto tu frank è per tutta la famiglia, non a caso italia uno per un periodo lo trasmetteva in prima serata!!! e poi ash ha insegnato a noi ragazzi come conquistare le ragazze, con il suo dammi un pò di zucchero baby... ehm peccato che ancora oggi molte non ne capiscono il significato ahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. avrei da ridire sui metodi di conquista insegnati da Ash. io non ho mai acchiappato un bel niente con "dammi un po' di zucchero baby!" e ci ho provato svariate volte :D

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Il problema sui metodi di conquista non e' "zucchero baby", ma semplicemente che voi non siete Ash :-p (scherzo)
    Film bellissimo con Bruce Campbell in stato di grazia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quale scherzo, mi sa che hai proprio ragione. anzi, hai decisamente ragione!

      Elimina