12 aprile 2012

Robocop - Paul Verhoeven


Vivo o Morto, tu verrai con me!

Robocop entrò nella mia vita sotto forma di pubblicità, come una promessa. L'apparecchio televisivo mi diceva che presto quei pochi frame sarebbero stati molti di più ma già  quei pochi secondi mi avevano elettrizzato. Devo ammettere che comunque ero un po' invidioso, a Detroit avevano uno sbirro cazzuto e corazzato mentre a noi toccava il brigadiere Rossi (nome di fantasia) e, senza nulla togliere all'arma, non si può proprio paragonare. Robocop batte Carabinieri 10 a 0... non c'è partita.

E insomma trasmisero il film e, come al solito (in questa rubrica ormai è cosa ovvia), me ne andai sotto. Ma, se ci pensate, fu inevitabile. Quale bambino di circa 6 anni non andrebbe sotto a Robocop? È praticamente impossibile. Robocop è un super poliziotto, per metà  uomo e per metà  macchina, che nel corso del film tra sparatorie, esplosioni e violenze di ogni tipo, riscopre il suo lato umano che riaffiora e quindi l'amore.
Rivedendolo ora, a distanza di anni, tanti anni, dall'ultima volta e con una certa "maturazione" si notano anche altri aspetti nel film. Come la martorizzazione della carne e una certa assonanza tra Robocop e Cristo (non me lo sto inventando certamente io è Verhoeven a dirlo, e guardando bene ha pure ragione).

Ma poi vogliamo parlare del titolo? ROBOCOP. Un titolo perfetto, una parola che dice tutto.

Ovviamente sono passati parecchi anni dalla realizzazione e molti degli effetti speciali risultano ormai teneri, ma va bene lo stesso... perché tanto l'edizione dvd in commercio riporta il film così come doveva essere, senza i tagli imposti dalla tv, equilibrando lo scompenso temporale. Quindi abbiamo effetti d'epoca ma abbondanza di sangue e violenza.

Questo è Robocop, quello che io chiamo un cult!


crudele!!!

16 commenti:

  1. Ehhh, grandissimo, grandissimo cult.
    Io tremo all'idea del remake in arrivo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. speriamo bene! purtroppo non ci sarà una via di mezzo o è più figo dell'originale (difficilissimo) o è una cagata pazzesca (probabilissimo).

      Elimina
  2. super cult!
    visto di recente e Robocop ancora spacca, con la sua pistola nella coscia. Anche i personaggi secondari sono mitici, li ricordavo praticamente a memoria.
    Violenza e fantascienza, ottima accoppiata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grande vincent!
      è verissimo ancora alla grande. la banda di cattivoni è cattivissima ed è interpretata signori caratteristi... c'è pure il padre di Laura Palmer ;)

      Elimina
  3. Supercultissimo.
    Uno dei miei imprescindibili dei vecchi tempi.
    Dovrei rivederlo, il tuo post mi ha scatenato una serie di ricordi impareggiabili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e non puoi capire quanti ne vengono fuori mentre lo vedi. devo recuperare (appena mi sarà possibile) gli altri due. ricordo lo spot pubblicitario del terzo che gridava "ADESSO VOLA!!!"
      rivedilo james ;)

      Elimina
  4. Cultissimo d'infanzia, mio cuGGino ci aveva pure il videoGGioco.
    L'ho rivisto qualche anno fa con il solo intento di vedere che personaggio facesse il Dottor Romano di ER (allora giovanissimo e con capelli) XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eehh i famosi cuggini che facevano questo e quello!!!
      ma stavolta ero io ad avere il videogioco di robocop sulla nintendo nes, alla faccia dei supercuggini :D

      mitico romano, lo fanno finire sempre male :P

      Elimina
  5. Filmone, senza se e senza ma. "nenenenenenene..."

    RispondiElimina
  6. cult e capolavoro, oltre che uno di quei 5 film che mi porto dietro dalla culla e avrò visto un trilione di volte! grande recupero, Frank :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie einzige.
      robocop, ed è pure inutile dirlo, ci ha cresciuti tutti :D

      Elimina
  7. Un capolovoro assoluto, che si lascia guardare e soprattutto ammirare ancora adesso a distanza di anni!!! se penso che paul Verhoeven, sia colui che abbia fatto quella schifezza chiamata basic instint con cui tuttora viene più ricordato, a discapito di altri ottimi film quali l'uomo senza ombra e staship troopers, mi piange il cuore!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e purtroppo basic instinct pur essendo un filmettino che lascia il tempo che trova si porta dietro ancora lo strascico dello scandalo. di verhoeven oltre a robocop, adoro soprattutto atto di forza. anche l'ultimo black book non era male mentre non mi piacque molto l'uomo senza ombra, ma l'ho visto solo al tempo dell'uscita. mi sono ripromesso di recuperare i film olandesi, forse (ma non ne sono sicuro) ho visto solo spetters... forse.

      Elimina
  8. Devo fare un mea culpa, ho dimenticato di menzionare lo straordinario atto di forza, e anche black book merita una visione, per quanto riguarda i film olandesi io ho visto il quarto uomo film molto discutibile, e soldato d'orange, anche se l'unica ragione che mi aveva spinto a vederlo è stato rutger hauer,sarà per il fatto che lui ha visto cose che noi umani.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tranquilo ;)
      black book quasi quasi me lo rivedo presto, non lo ricordo molto. e comunque la curiosità di vedere i film olandesi anche per me è principalmente dovuta al mitico hauer.

      Elimina