17 maggio 2012

1997: Fuga da New York - John Carpenter



I don't give a fuck about your war... or your president!

È Snake (Iena per gli italiani) Plissken che parla, e in questa semplice frase esplica tutto il suo essere.

Kurt Russel e John Carpenter creano forse il loro personaggio più iconico (e i due insieme hanno dato vita a Jack Burton e R.J. MacReady), quello più cazzuto, quello più anarchico, quello più... quello più cool. Oh Yeahh!!!
Fuga da New York entrò sin dalla sua prima visione nell'olimpo dei cult.
E il suo posto d'onore è più che meritato.

Il viaggio negli inferi di Snake, in una sorta di discesa dantesca, non è il solito viaggio di formazione che tante volte abbiamo visto a Hollywood. L'eroe stavolta non ritorna cambiato, non ritorna con un nuovo modo di vedere la vita, perché lui (ma sono solo supposizioni) all'inferno non solo c'era già stato ma lo porta dentro di se. Quando riesce, dopo mille peripezie e tanti morti, a tornare alla civiltà, si ritrova di nuovo al punto di partenza. Il suo è un viaggio senza fine, un cavaliere errante che per sopravvivere è costretto a combattere. Perché è l'unica cosa che sa fare, perché è ben al di là di una qualsiasi salvezza e perché è uguale ai suoi nemici.

Questo è Snake Plissken
Non è un eroe ma solo un gran figlio di puttana. 
E per  questo io l'adoro!



When I get back, I'm going to kill you.

10 commenti:

  1. Film strepitoso.
    Non soltanto per l'ironia e l'anima da fumettone, ma anche per il ritmo e la visionarietà.
    Uno dei miei preferiti di Carpenter, senza dubbio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per semplice affetto (dovuto in realtà a non so bene cosa) per me il miglior carpenter di sempre resta La Cosa. ma 1997 gli sta dietro a circa mezzo millesimo di secondo. capolavoro!

      Elimina
  2. si sono d'accordo con Ford, film strepitoso e mitico :)

    RispondiElimina
  3. Anche se non è troppo il mio genere, all'epoca mi ci ero divertita parecchio!
    E poi Kurt Russel in questa mise è un figo spaventoso u_u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non si può resistere al fascino di Kurt nei panni di Snake :D

      Elimina
  4. Film memorabile, non solo Kurt Russel, ma vogliamo citare anche il "cattivo" di Sergio Leone Lee Van Cleef, L'indimenticabile Donald Pleasence, che ancora mi chiedo come abbia potuto partecipare a film orribili italiani, comunque un grande Jhon Carpenter, un grande film!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giusto anche citare i grandi cleef, pleasence e aggiungerei pure stanton. credo che la risposta alla tua domanda sia "per i soldi", non riesco ad immaginare altra motivazione.

      Elimina