31 maggio 2012

Breakfast Club - John Hughes


Non ho nessuna vite, le viti cadono, purtroppo viviamo in un mondo imperfetto.

Grande cult degli anni '80 e miglior film di John Hughes.

Breakfast Club è Mitico un po' sui generis*, un po' come SubUrbia. I due film, nella mia mente, vengono immancabilmente collegati tra loro, e sebbene la visione di Breakfast Club sia stata antecedente a quella del film di Linklater la comprensione reale del film avvenne più o meno nello stesso periodo.

Le prime volte che l'ho visto per me era solo un film divertente, a tratti un po' drammatico, dove dei ragazzi facevano casino a scuola... le parti intimiste era come se si cancellassero automaticamente. Ma poi, ad un tratto durante un passaggio in tv, le porte della percezione si spalancarono e mi resi conto che la bellezza del film era dovuta proprio ai confronti interiori dei protagonisti.
Incredibile.
Io, così come tanti altri, ero esattamente come i ragazzi del film. E sebbene quel senso di incomprensione e insoddisfazione che si manifesta quando si è giovini sia un momento cruciale e, diciamolo pure, anche banale della crescita; un passaggio obbligato che tocca, chi più e chi meno, quasi tutti c'è da dire che può essere a tratti devastante e persino difficile da sopportare. 
Il Breakfast Club in questa visione non agì da deterrente, non ha dato risposte ma fu, più che altro, uno specchio dove guardarsi e scoprire che in fondo abbiamo tutti gli stessi pensieri e problemi. 
E attenzione perché non è cosa ovvia e poi all'epoca non c'era l'internet con tutti i blog ecc.

Confesso che vi è stato anche qualche recondito desiderio di avere anche nella scuola che frequentavo io la reclusione punitiva nella biblioteca e di esservi rinchiuso per avere un Breakfast Club tutto mio... ma questa usanza non era contemplata dal nostro sistema e ad oggi son contento che abbia attuato questa voglia, in fin dei conti di sabato già ci andavo regolarmente a scuola. 


*sui generis poiché fanno parte dei pochi film dell'epoca non tamarri.

8 commenti:

  1. mi sa che devo rinfrescare questi film anni ottanta, tanto per gustarmeli, se vuoi vedere qualcosa di carino ti suggerisco anche un film uscito a fine anni ottanta, con protagonisti Christian Slater e Winona Ryder, schegge di follia, qui da noi è un po' datato, ma in america è un cult :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un rispolverata non fa mai male :D

      schegge di follia è passato non molto tempo fa da queste parti ;)

      Elimina
  2. l'ho visto solo un paio d'anni fa, e mi ha "fulminato".
    il capostipite dei film adolescenziali, e il migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente il migliore nel filone serioso e per la sua universalità è ancora attuale.

      Elimina
  3. Noto con piacere che il "Brat Pack" e' il benvenuto su questo blog. Bene, bene.... io adoro i film anni '80

    @Arwen "Schegge di follia" me lo ricordo. Diabolico e politicamente scorretto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il brat pack, e tutti i suoi cloni/simili saranno sempre ben accetti da queste parti ;)
      sono pellicole alle quali ci voglio troppo bene!

      Elimina
  4. Sicuramente il migliore dei film Jhon Hughes, certo però che a distanza di anni mi mette una malinconia..... comunque dispiace pensare che tra tutti gli attori l'unico che ha raggiunto una certa fama e che abbia ancora adesso una certa popolarità sia Emilio Estevez....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emilio Estevez è stato bravo a slegarsi dal genere, poi si è buttato in regia... senza contare anche la parentela ;)

      Elimina