29 maggio 2012

The Divide - Xavier Gens

Dopo il caruccio-ma-niente-di-che Frontieres e quella roba chiamata Hitman è finalmente arrivata la consacrazione di Gens.

The Divide, nonostante sia un film a tratti imperfetto, funziona e soprattutto disturba. La vicenda parte dal consolidato plot che prevede "un tot esiguo di persone costrette in un posto delimitato" ma, per quanto sia abbastanza facile intuire che ad un certo punto si sbroccherà di brutto, il risultato è qualcosa di ben congegnato nonché capace di stupire. In scena abbiamo la decadenza dell'umanità, l'imbarbarimento e la brutalità, tanto per capirci è un qualcosa di simile a quello visto in Blindness. Quel tipo di situazione che, se non scade nel ridicolo, fa veramente male e fa anche sorgere la difficile domanda "cosa farei io?".

La regia non è affatto male e Gens ben si destreggia nella claustrofobia del luogo d'azione regalando parecchi totali e dando continuo movimento (NON narcolettico) alla scena, chiudendo il tutto con un finale che tecnicamente è da standing ovation. Ottima anche la calibrazione data a ciascun dei nove personaggi e alla loro rispettiva discesa negli inferi, segno questo di una discreta attenzione ai vari caratteri e cambiamenti. Bravi gli attori con a capo la bellissima Lauren German e una Rosanna Arquette che si concede totalmente alla causa.

Una pellicola senza speranza e da vedere.

8 commenti:

  1. Sarà tra le prossime visioni.
    Devo dire che mi hai incuriosito non poco.

    RispondiElimina
  2. Contentissima che tu abbia apprezzato!
    la Arquette è mostruosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la arquette mai così brava e soprattutto "disponibile"

      Elimina
  3. non avevo grandi aspettative, e invece è un film sorprendentemente notevole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pure io avevo aspettative pari allo zero ed ero partito con il dito sul tasto di stop... hai capito a gens!

      Elimina
  4. mi ha ricordato tantissimo Cecità...
    dannato rifugio antiatomico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'involuzione è molto simile a quella di cecità ;)

      Elimina