22 maggio 2012

Quella casa nel bosco - Drew Goddard

E fu così che un genere finì! 

Quella casa nel bosco mette il punto all'horror. È il suo canto del cigno, il suo funerale, il suo estremo saluto. Niente potrà mai essere così, non vi saranno sequel e nemmeno cloni perché Quella casa nel bosco non è un semplice film horror, è l'horror, è tutti gli horror. 
Non parlo di brividi, paura o tensione, parlo del genere in sé.
Quella casa nel bosco, infatti, è la summa di tutto quello che è stato fatto, il bignami, la sua destrutturazione totale, il suo smembramento e la sua autopsia. I cliché, le banalità, i meccanismi, gli stereotipi vengono usati tutti, senza ritegno alcuno e come se non ci fosse un domani... cosa che difatti non ci sarà!
Poiché è questo che il cliente si aspetta, è questo il codice prestabilito, è questo il rituale. 

Un po' dispiace sapere che, dopo il film di Goddard e Whedon, tutto l'horror che verrà sarà quello di sempre, della roba già vista o la solita solfa. Noi appassionati gongoleremo alle splattate, ai buu o agli scricchiolii di un'antica casa abbandonata, ma sempre consapevoli che ciò che stiamo vedendo altro non è che un eco.

L'unica cosa che può sollevare l'animo è sapere che l'omicidio dell'horror, uno dei generi più amati, è stato perpetuato da mani amiche, le mani di due amanti. 
Ma fatemelo dire... è un signor omicidio.

16 commenti:

  1. la visione è programmata per oggi!

    RispondiElimina
  2. sì, anche io lo vedrò oggi.
    ma ho tanta paura di uscirne sconfortata. non per il film in sé. Sono convinta che sia un gran film. Per quello che dici tu.

    RispondiElimina
  3. Sembra proprio che sia l'unico a cui non è piaciuto. Boh... premesse fantastiche e struttura notevole, ma secondo me proprio povero nella realizzazione, voglio dire, ci sono tutti i cliché possibili, ok, ma vengono sfanculati solo così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me i cliché e tutti i meccanismi classici vengono distrutti uno per uno e sfanculati così proprio perché sono altamente banali. annientare con una mega-cazzata la sempre solita e abusatissima idea del genio di turno che dice "dividiamoci" per me è perfetto. forse un di più sarebbe risultato troppo!

      Elimina
  4. Giovedì vado al cinema fosse l'ultima cosa che faccio.
    Se nessuno mi ci porta vado anche da sola -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci sono andato parecchie volte al cinema da solo... e ti dirò che non mi dispiace. tanto non permetto alcuna parola a chi mi accompagna :D

      Elimina
  5. Visto!!!:)
    Bellino bellino, mi son divertita da matti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedo che è uscito pure da te... ti vengo a leggere ;)

      Elimina
  6. Grandissimo film, a tratti geniale.
    La parte finale è una vera magia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli ultimi 20/25 minuti li ho visti praticamente in piedi :D

      Elimina
  7. recensioni lodevoli ovunque, mi sa che dopo dark shadow sarà la mia visione successiva...vedremo se il gioco vale la candela ^_^

    RispondiElimina
  8. visto, mi aspettavo di più, ma considerando il letame che ci fanno vedere questo film spicca di brutto, anche se non lo definisco un capolavoro eh? Non al livello di certi film che ho visto cmq si lascia vedere bene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. be se paragonato a molti film horror che hanno fatto scuola e dettato i canoni di un genere, non c'è partita. infatti secondo me l'operazione di Quella casa nel bosco è più un saggio sull'horror che un film appartenente al genere stesso.

      Elimina