07 maggio 2012

Sherlock Holmes: Gioco di ombre - Guy Ritchie

Sequel fracassone dello Sherlock Holmes di Guy Ritchie.

La rilettura di Ritchie del primo capitolo aveva certo fatto storcere il naso ai puristi del detective, ma aveva comunque raggiunto l'obiettivo di ridare vitalità ad uno dei personaggi più utilizzati dalla storia del cinema. L'originalità del racconto e della rappresentazione di Holmes, l'ottimo cast, la vivacità della messa in scena e una fortissima dose di action decretarono il successo e la riuscita dell'impresa. In questo secondo episodio pur rincarando le dosi di avventura, di intrigo e di spettacolarità con in più un'eccellente ricostruzione semi-steampunk del 1891 resta quella sensazione di stantio e ripetitività che spesso e volentieri posseggono i sequel. 

La mancanza della sorpresa da parte dello spettatore del nuovo Sherlock è stato sicuramente cruciale a decretare questa sensazione, infatti chi ha visto il film molto probabilmente ha già visionato quello del 2009 e quindi conosce bene il restyling, ma al tempo stesso questa conoscenza ha permesso di concentrarsi sull'affinità tra Holmes e Watson non dovendo curarsi troppo della "presentazione" dei rispettivi caratteri e sulla costruzione dell'intrigo.
Discreta anche la regia di Ritchie che pur mantenendo lo stile già visto in precedenza, sempre nel primo capitolo, lo affina parecchio dando più ritmo e spettacolarità nelle parti d'azione pura. 

Un "more of the same" che non annoia!

10 commenti:

  1. Io ho preferito il primo, ma questo si lascia guardare come riempitivo di lusso. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. d'accordo con te, anche se ho sentito la mancanza della sorpresa ;)

      Elimina
  2. Adorabile come il primo.
    Anzi, se possibile Robert Downey Jr. è ancora più divertente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. robert si conferma ancora l'attore più cool del momento. è impossibile non prenderlo in simpatia e non volerlo come amico :D

      Elimina
  3. Ottimo come il primo, di solito i seguiti sono sempre meno riusciti, ma, posso tranquillamente affermare che non è questo il caso, Guy Ritchey si conferma come uno dei registi più in voga del momento, il matrimonio fallito con madonna, ha per fortuna giovato alla sua carriera!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. resta sicuramente un ottimo divertimento. il fallimento del matrimonio non solo ha giovato ma l'ha salvato dopo quella caduta brutale di Travolti dal destino.

      Elimina
  4. devo ancora vederlo, mi sa che uno di questi giorni lo faccio, il primo mi è piaciuto un sacco :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me il primo resta il migliore, ma il secondo mantiene alto il divertimento!

      Elimina
    2. ah si succede sempre così nei film trasformati in saghe, cmq lo guarderò e poi ti dico se mi è piaciuto o meno ^^

      Elimina
    3. attendo la tua recensione allora ;)

      Elimina