28 giugno 2012

Fuga per la vittoria - John Huston


"Questa maledetta partita mi sta fottendo la vita!"

La pellicola di Huston si ispira a fatti reali tristemente noti come "la partita della morte", match che si disputò a Kiev nel 1942 durante l'occupazione tedesca tra ufficiali della Luftwaffe e giocatori della Dynamo e Lokomotiv.

Fuga per la vittoria è sotto alcuni aspetti una pellicola molto americana farcita di eroismo, una trama un po' pretestuosa, retorica e buonismo.
Nel cast vi figurano oltre agli attori Michael Caine, Sylvester Stallone e Max von Sydow anche calciatori professionisti (ex-campioni del mondo) come Bobby Moore, Osvaldo Ardiles e Pelé.

Un film, a dir la verità, forse troppo ingenuo e pure facilone ma sfido  los tesso chiunque a non esaltarsi su quell'ultimo rigore.
Un classico del filone calcistico/sportivo!

slancio di labbro

6 commenti:

  1. Quel rigore è esaltante a mille!
    Un pò come il labbro di Sly!
    Film più che "Mitico"! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il labbro funziona un po' come le orecchie di dumbo, serve per mantenere la stabilità nel tuffo :D

      Elimina
  2. è vero, ha un sacco di cose che odio nel cinema americano eppure ogni volta che lo vedo mi sale il groppo in gola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne ha troppe, ma è talmente cool che non si può non adorarlo :D

      Elimina
  3. Questo è uno di quei film che non stancherei mai di vedere, aldilà che l'ho considerò il miglior film sul calcio, anche se naturalmente racconta fatti tragici come hai detto tu Frank.... se penso che quando lo vidi da piccolo domandai a mio padre come mai c'era Pelè e non Totò Schillaci (era il periodo delle notti magiche) mi viene da ridere, ero ancora troppo piccolo per capire....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah il grande totò... che mito!

      Elimina