17 giugno 2012

Weekend con il morto - Ted Kotcheff

Film che ho visto e rivisto da ragazzino, Weekend con il morto non tornava sui miei schermi da almeno... boh, 15 anni? No, forse di più... comunque l'ultima volta erano ancora gli anni '90!

La pellicola diretta da Kotcheff, regista del primo indimenticabile Rambo, è invecchiata maluccio. Molte gag ancora funzionano - tutta la parte della festa non è niente male - e altrettante fanno sorridere più per il fatto che qualcuno abbia pensato che fossero divertenti, che per la loro effettiva carica comica. Ma si sa, erano altri tempi e perciò si passa sopra a queste piccole imperfezioni in nome della nostalgia.

Carini e tipicamente dell'epoca i due protagonisti Andrew McCarthy e Jonathan Silverman, il primo nel ruolo del buffone e il secondo in quello del più serio e innamorato. Sicuramente tra gli attori però a spiccare è Terry Kiser specialmente quando il suo personaggio passa a miglior vita.

Weekend con il morto è una commedia del 1989. 
(Non so come spiegarlo ma, secondo me, questa semplice frase lo racchiude e lo esplica benissimo)


Come già capitato e come ricapiterà, lo stimolo al recupero della pellicola è stato scaturito dall'esimio collega Mr Ford.

10 commenti:

  1. Concordo, l'ultima frase basta a inquadrare il film. Non so perché ma mi è venuto in mente anche Il giallo del bidone giallo del 1990.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio, mi piaceva un sacco il giallo del bidone giallo... quasi quasi :D

      Elimina
  2. Mitico.
    Cerco di rivedermelo ogni estate, in barba al tempo che passa.
    La festa è magnifica, ma anche la lotta con il killer nel finale mi uccide dal ridere ogni volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. peccato che molta della comicità sfoggiata sia ormai fuori tempo. però resta sempre un piacere ;)

      Elimina
  3. A me questo film all'epoca mi faceva impazzire, non saprei trovare una valida motivazione alla mia affermazione ma fatto sta che era cosi, l'idea di spacciare un morto per ancora vivo mi esaltava, il seguito lo trovai molto più stupido e meno divertente, sarà che ormai l'effetto novità mi era scaduta...... ricordo anche di un ulteriore finto seguito, intitolata dalla nostra cara furba distribuzione italiana, weekend senza il morto, semplicemente per il fatto che il protagonista era Andrew McCarthy!!!!!! P.S. Frank recensisci anche il giallo del bidono giallo merita......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si pure a me piaceva molto! il secondo non lo ricordo bene, ricordo però quando uscì a noleggio la vhs e non riuscivo a prenderlo perché era richiestissimo.
      Il giallo del bidone giallo arriverà, lo prometto :D

      Elimina
  4. vabbe', all'epoca io impazzivo per Andrew McCarty ... tutte le ragazzine invero impazzivano per lui :-p
    Il film faceva schiantare dalle risate, oggi forse un po' meno, ma nostalgicamente me lo riguardo se lo passano in tv

    RispondiElimina
    Risposte
    1. weekend con il morto può avere solo estimatori nostalgici perché purtroppo è invecchiato veramente male. il periodo dove McCarthy faceva breccia nei cuori me lo sono perso, sono arrivato un pelo dopo... quando Kim Rossi Stuart col suo splendido kimodo d'oro entrò nelle camere di molte fanciulle.

      Elimina
    2. Kim Rossi Stewart arrivava fuori tempo massimo..... pallido epigone di Ralph Macchio e dei suoi Karate Kid ... nel secondo e ancor piu' nel terzo a onor del vero il buon Ralph era inguardabile, ma vabbe', all'epoca non ci facevamo molto caso :-p

      Elimina
    3. ralph forse con quei suoi modi un po' da sfigato, una faccia comune e non belloccia era più idolo dei maschietti... perché menava il biondino e si beccava la bella fanciulla ;)

      Elimina