04 settembre 2012

Secuestrados - Miguel Ángel Vivas

Lo spagnolo Vivas, con Secuestrados, gioca con paure recondite e abbastanza reali. Difficile restare in disparte, soprattutto perché la pellicola non ti da il tempo di farlo.

Tutto concentrato in un'ottantina di minuti, il film scorre veloce e colpisce duro, giocando e riportando su immagini fatti letti spessissimo sui giornali. Viene ricalcato anche molto cinema ma, seppur mancando di originalità, Vivas riesce grazie ad un alto senso di ritmo a non scadere e a mantenere viva l'attenzione. Gli accorgimenti, come poco capita, sono semplici quanto funzionali.
Un uso massiccio di camera a spalla che contribuisce a dare continua instabilità alle vicende narrate, una storia lineare e plausibile, dei personaggi umani  con comportamenti normali e, anche questi, plausibili e, continuo a ripeterlo, la velocità del tutto. Non manca la cattiveria, latente e in gran parte celata per quasi tutta la pellicola, che esplode (anche visivamente) nell'ultima inesorabile parte.

Senza ombra di dubbio un buon prodotto.

6 commenti:

  1. eh eh mi fai ritornare agli albori del mio blog : totalmente d'accordo, prodotto non originalissimo ma valido. A me ha colpito soprattutto lo sfoggio di tecnica: camera a spalla che si( e ci ) regala diversi virtuosismi, split screen e pianosequenza che in un genere che di solito ha un montaggio superframmentato è veramente una chicca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la sua semplicità, condita da piccole chicche tecniche lo rende un film godibile. poi è talmente serrato che non lascia manco il tempo di capire cosa stia succedendo in scena.

      Elimina
  2. Non male. Anche se si poteva fare di più.
    Alcune scene ottime, lo svolgimento non sempre ben definito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma considerando il tipo di film, da dove proviene ed i suoi scopi credo che il risultato sia, tutto sommato, buono.

      Elimina
  3. Ma ben tornato! Lo sai che non vedevo più il tuo blog dal mio roll?
    Questo film spacca di brutto sul piano della cattiveria. Poi si poteva fare qualcosina in più dal lato tecnico ma, come dici tu, ottima prova. Vediamo cosa ci proporrà in futuro questo Vivas!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma grazie ;)
      sto Vivas potrebbe regala cose interessanti, la cattiveria, come giustamente dici, c'è. magari con qualche spicciolo in più... chissà!

      Elimina