23 dicembre 2012

Men in Black II - Barry Sonnenfeld

Il ritorno degli agenti J e K!

Il secondo capitolo della saga Men in Black era doveroso dopo il successo planetario ottenuto nella precedente occasione. Però, come spesso capita in queste occasioni, si finisce col ricalcare la traccia già data cambiando giusto un tot qua e là. Non che sia brutto o poco divertente, ma la sensazione di déjà vu è presente durante tutti i suoi 88 minuti.

Funzionanti stavolta l'uso delle parti femminili, che vengono aumentate sia per numero (da una a due) che per importanza nella storia... molto sexy sia la cattiva Lara Flynn Boyle che l'innocente fanciulla Rosario Dawson.
Eccellenti come sempre gli effetti speciali a tecnica mista (trucco, animatronic e CGI) e le parti comiche dell'affiatata coppia Smith/Lee Jones.

Non necessario ma divertente.

IMDb 

6 commenti:

  1. Forse il secondo è il più "moscio" della trilogia. Il primo io continuo ad adorarlo, e il terzo - visto per una specie di senso del dovere, con aspettative sottoterra - è riuscito inaspettatamentr a divertirmi parecchio.

    RispondiElimina
  2. Ci sono due o tre situazioni molto divertenti, ma niente di più. La Boyle è sexy come non mai, Smith sempre più a suo agio mentre Jones sembra svogliato. Comunque si lascia guardare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, si lascia guardare anche se più per inerzia che per altro.

      Elimina
  3. Mi manca ancora. Il primo mi era piaciuto, e il terzo mi ha sorpreso in positivo.
    Prima o poi recupererò anche questo!

    RispondiElimina