28 dicembre 2012

Milano Calbro 9 - Fernando Di Leo

milano calibro 9
Uno dei film più belli... no scusate, il film più bello e significativo del poliziottesco italiano. Che poi, a dirla tutta, proprio poliziottesco non è.

Milano Calibro 9, tratto largamente dalla raccolta di racconti omonima di Scerbanenco, è il primo capitolo della trilogia del Milieu, che ha al suo interno anche i bellissimi La mala ordina e Il Boss. Questi tre film sono il top del top che l'Italia sia mai stata capace di partorire nel noir, genere forse più consono rispetto al poliziottesco.

L'ispirazione melvilliana è palese, ma Di Leo non si limita certo alla mera trasposizione Francia Italia, riesce invece a creare un qualcosa di nuovo, tipicamente nostrano e assolutamente strepitoso per stile, ritmo, ripresa, costruzione dei personaggi e quant'altro. Siamo a dei livelli tali che alcune della scene presenti in questo film fanno ormai parte della storia del cinema, e se così non fosse... dovrebbero. 
Basti pensare a tutta la sequenza iniziale con di sfondo l'esaltante Preludio composto da Luis Bakalov ed eseguito dagli Osanna. Per me è Storia del cinema.
Ma che ve lo dico a fare!

Una pellicola che deve essere vista almeno una volta nella vita, perché è un regalo che DOVETE fare a voi stessi. E nel caso non vi dovesse piacere... be, probabilmente c'è qualcosa che non va in voi.

IMDb

milano calibro 9

5 commenti:

  1. Concordo, un film grandissimo con attori in gran spolvero, un Moschin glaciale. Da applausi.

    RispondiElimina
  2. Capolavoro. Quel finale poi mi fa venire i brividi ogni volta che lo vedo...

    RispondiElimina
  3. anche per me un capolavoro da vedere e rivedere. Che cosa eravamo capaci di fare in quegli anni...

    RispondiElimina
  4. Filmone totale, bellissimo.
    Concordo parola per parola.

    RispondiElimina
  5. quando l'italia poteva girare a testa alta tra i cinematografari... e questo era considerato di serie B

    RispondiElimina