25 gennaio 2013

Django Unchained - Quentin Tarantino

Ho già detto nel post dei Bastardi dell'enorme difficoltà che trovo quando mi tocca parlare del cinema di Tarantino. Ci riprovo ma sappiate che andrà a finire come l'altra volta.

Tocca subito dire una cosa circa Django Unchained e lo faccio prima della mia trasformazione in cheerleader. Django Unchained NON è uno spaghetti western. C'è l'omaggio, l'ispirazione, la citazione e Franco Nero, ma non lo si può in alcun modo accostare al genere italico. 
Ok? Se proprio vogliamo si potrebbe dire che trattasi di uno spaghetti western filtrato dalla mente di Tarantino. E questo potrebbe dire tutto o niente, ma è così. 
Tocca starci.

Tolto questo piccolo sassolino passo all'esaltazione più spudorata.

Django Unchained è una FIGATA!
C'è sangue a ettolitri, scene iper-cool tanto divertenti quanto tragiche e grandi personaggi interpretati da grandi attori che dicono grandissime battute. Quentin, ma son cose che già si sanno, sprigiona in ogni fotogramma passione e inventiva. Non si limita per niente sia nel trattare un tema delicato come quello del razzismo, che nel prendere per il culo il Ku Klux Klan come nel mettere in piedi sparatorie splattissime. Incarna alla perfezione il sogno di ogni spettatore, amante o professionista del cinema (e non solo), ovvero fa come cazzo gli pare e lo fa pure bene. 

Django non sarà forse il capolavoro del buon Quentin, ne ha fatti così tanti che ormai per lui è sinonimo di buono, ma è un qualcosa che... che proprio levati!

IMDb 

19 commenti:

  1. concordo
    NON E' UNO SPAGHETTIWESTERN
    in fondo Tarantino è un idealista (magari non lo sa) che contrappone i NERI (così va bene, mr.Lee?) agli schiavisti, come aveva contrapposto i BASTERDS ebrei ai nazi
    AL CONTRARIO nei film di Leone&Co un pistolero solitario arriva nel mezzo di una guerra dove sono TUTTI stronzi: in PER UN PUGNO DI DOLLARI i Baxter contro i Rojo, in DJANGO la banda di Jackson contro Rodriguez and all that
    RIPETO: il cinismo disilluso degli italiani (ne abbiamo viste troppe) è lontanissimo dall'idealismo americano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutto verissimo! qualcuno mi ha anche fatto notare come manca in un certo senso anche un vero e imponente cattivo. persino quello di Di Caprio non risulta avere la potenza necessaria o appunto il cinismo dei nostri di cattivi.

      Elimina
  2. non è il suo capolavoro, ma è uno dei suoi capolavori.
    d'altra parte è un uomo che non riesce a evitare di sfornarne uno dietro l'altro...

    RispondiElimina
  3. Concordo in pieno con le parole del Cannibale, ormai non si sa più quale scegliere, Quentin ci ha viziati per l'ennesima volta XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come darvi torto, siamo di fronte a lui tanti bimbetti presuntuosi e viziati da capolavori!

      Elimina
  4. ma sono l'unico che è rimasto perplesso davanti a questo film? mi sento come la particella di sodio nella pubblicità dell'acqua Lete...c'è qualcuno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, ti assicuro che ci sono altre particelle in giro... solo che si nascondono ;)

      Elimina
  5. Il cannibale ha ragione. Personalmente continuo a preferire i Bastardi e Kill Bill ma questo Django è e sarà comunque un capolavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io personalmente continuo con mettere sul podio quei favolosi primi tre film. anche se stilare classifiche su una lista di capolavori è cosa impossibile.

      Elimina
  6. Unica nota stonata è la canzone di Elisa, quella poteva risparmiarsela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, se non ci fosse stata era meglio... pezzo orribile. anche se forse agli americani potrebbe garbare per la lingua esotica :)

      Elimina
  7. Un po' troppo lungo ma alcuni pezzi molto goduriosi.. peccato per il protagonista che, dando il nome al film, mi aspettavo un pelo più.. protagonista! Waltz regna, Elisa "stona", Jackson di nuovo incredibilmente iconico anche solo al primo sguardo e il western (quello vero) che sorride come un vecchietto su un dondolo di legno tarlato sul porticato di una vecchia casa mentre guarda un bambinetto che si agita per la strada giocando a fare il cowboy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottima la metafora del vecchio western sorridente ;)

      Elimina
  8. Voglio andare a vederlo :(

    Spero la prox. settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tarantino merita sempre e comunque. vallo a vedere ;)

      Elimina
  9. Filmone fighissimo.
    Mi ha fatto impazzire dall'inizio alla fine. Già cult.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che sarebbe stato figo non c'erano dubbi!

      Elimina
  10. Bellissimo .... grandi interpreti, Waltz sopra tutti. E poi una marea di camei/comprimari d'eccezione: Franco Nero, Don Johnson, James Remar, Don Stroud, Zoe Bell, Tom Savini, Lee Horsley. Tarantino per me e' come Guy Richie: i suoi film mi piacciono e so gia' che mi piaceranno ancora prima di averli visti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. appoggio ogni singola parola ;)
      anche se devo confessarti che su ritchie non ho mai la massima certezza in anticipo.

      Elimina